“Sanctum”, inaugurata la mostra d’arte pop contemporanea di Alex Caminiti

Caminiti e RomanoCaminiti e il Commissario straordinario Filippo Romano

Si è svolta nel Salone degli Specchi di Palazzo dei Leoni la cerimonia inaugurale della mostra dal titolo “Sanctum” del maestro Alessandro Caminiti. Al taglio del nastro il Commissario straordinario, Filippo Romano, che ha introdotto, attraverso un’attenta valutazione storica e stilistica, i temi espressi dalla tecnica pittorica dall’artista messinese.

Caminiti, Principato e Romano

Alex Caminiti, l’architetto Principato ed il Commissario Filippo Romano

Presente anche l’architetto Nino Principato, esperto di storia e tradizioni di Messina, che ha sottolineato il ritorno ad uno stile figurativo fortemente personalizzato e contaminato dall’originale connubio tra le opere dei mostri sacri della pittura (quali Caravaggio, Leonardo ed Antonello) ed i personaggi dei cartoon più popolari.

Si tratta di una provocazione sul valore eterno dell’opera d’arte nel contesto di un’operazione di rivalutazione dei fumetti. Caminiti riprende quei connotati che si possono ritrovare nella “pop art”, movimento artistico nato tra gli anni ’50 e ’60 che si contrappone all’espressionismo astratto e che offre la massima attenzione alla quotidianità, al linguaggio della società dei consumi ed ai suoi miti. Nelle sue opere si ha una rivisitazione dei capolavori di grandi artisti in chiave fumettistica, un’azione che punta all’elevazione del fumetto ad opera d’arte assoluta e che dissacra, senza distruggere,.una forma espressiva abusata e svuotata dei contenuti.

Alex Caminiti

La locandina dell’evento, che unisce arte e mondo del fumetto

Caminiti sostiene che l’arte rimane sempre tale anche quando c’è la sovrapposizione dei fumetti sulle grandi opere dell’arte pittorica, evidenzia il rifiuto dell’estetica tradizionale e di quella d’avanguardia attraverso una linea che stupisce grazie all’accostamento di forme inconsuete che mettono in crisi le tecniche tradizionali e i paradigmi consolidati tipici di un pensiero borghese spesso obsoleto. La mostra resterà aperta fino al 9 aprile 2016 e sarà visitabile tutti i giorni, sabato mattina compreso, escluso la domenica e l’ingresso è gratuito.

Commenta su Facebook

commenti