Rispunta il nome del trapanese Feola. Barattin propone Armenise, ma c’è la Reggina

Andrea Feola con la maglia del Trapani

Di nomi ne filtrano pochi e quelli dati in pasto alla stampa spesso vengono “bruciati”, come dimostrano i tanti profili di calciatori affiancati al Messina e poi accasatisi altrove in queste settimane di mercato. L’impressione è che nelle ultime 100 ore destinate alle trattative potrebbe anche concretizzarsi qualche operazione a sorpresa, un po’ come quella che ha riguardato l’austriaco Spiridonovic, altro prospetto interessante che aveva rifiutato tutte le possibili destinazioni in Lega Pro ed alla fine ha preferito la città dello Stretto al possibile ritorno in patria.

Il direttore sportivo del Trapani Daniele Faggiano

Il direttore sportivo del Trapani Daniele Faggiano

Torna d’attualità in particolare il nome del centrocampista Andrea Feola, che potrebbe presto rinnovare il contratto in scadenza con il Trapani ed essere poi girato in prestito ad un club di categoria inferiore, proprio come Spiridonovic. Classe 1992, sardo come Izzillo (è nativo di Carbonia), ha collezionato 20 presenze nell’ultimo biennio in B. A lui si sono interessate Alessandria ed Ascoli nelle scorse settimane, mentre più recentemente è stato affiancato a Catanzaro ed Ischia.

Sembrava che a superare la concorrenza dei club di Lega Pro dovesse essere addirittura il Sassuolo, alla ricerca costante di giovani di grande prospettiva, ma il direttore sportivo Daniele Faggiano al telefono sottolinea che le riserve non sono state ancora sciolte: “Al momento non vi è ancora nulla di concreto. Su Feola e Nicola Citro (anche lui affiancato a più riprese al Messina, ndc) non abbiamo ancora preso una decisione definitiva. Non è detto che partano ma non è nemmeno sicuro che restino”. Di certo per la punta campana, dopo la partenza di Mancosu, trasferitosi al Bologna, e quella di Iunco, accasatosi all’Alessandria, il minutaggio in granata potrebbe essere adesso molto più elevato e consigliare la rinuncia al declassamento in C.

Un primo piano dell'esperto Alessandro Armenise

Un primo piano dell’esperto Alessandro Armenise

Radio-mercato torna poi ad affiancare il Messina all’esterno sinistro Alessandro Armenise, 30enne pisano con 19 presenze all’attivo nella Paganese, che nelle ultime ore sarebbe però ad un passo dalla Reggina. A chiarire perché è in partenza è il direttore generale Cosimo D’Eboli, contattato dalla nostra redazione: “È un giocatore importante, che ha fatto bene, ma è in uscita perché dobbiamo abbattere i costi. Per lo stesso motivo non a caso abbiamo già rinunciato agli ingaggi più onerosi, come quelli di Bocchetti, Caccavallo ed Herrera (con il Lecce che avrebbe versato circa 100.000 € per assicurarsi il suo cartellino, ndc)”.

D’Eboli chiarisce che “abbiamo tesserato proprio un ex messinese, Bolzan, per coprirci sulla fascia. Riccardo non è ancora pronto ma è un elemento esperto e potrà darci una mano. Armenise è stato proposto al Messina dal suo procuratore Stefano Barattin. Lo stesso agente che ai giallorossi aveva prospettato gli ingaggi di altri due suoi assistiti, l’ex salernitano Castiglia, poi accasatosi al Como, ed il paraguaiano Garcia, che dopo essersi allenato al “Celeste” non ha però convinto lo staff tecnico, al pari di Magliocchetti e dell’ex laziale Serpieri (ora al Cosenza).

Alessandro Parisi con la divisa del Torino, ultima tappa della sua carriera prima della lunga squalifica

Alessandro Parisi con la divisa del Torino, ultima tappa della sua carriera prima della lunga squalifica

Il Messina ha comunque un’altra opzione per la corsia sinistra già in casa. Continua infatti dalla scorsa estate ad allenarsi con Corona e compagni il grande ex Alessandro Parisi, che nei prossimi giorni presenterà un’istanza per l’eventuale riduzione della sua squalifica in scadenza a giugno. Lo “sconto” aprirebbe le porte al tesseramento con Grassadonia che potrebbe contare su un innesto di qualità, anche se l’impiego di un 37enne non lo agevolerebbe nell’ottica della famigerata età media. Un problema che lo staff tecnico spera comunque di dovere affrontare presto.

Commenta su Facebook

commenti