Il Rende pareggia nel finale e per il Città di Messina sfuma l’aggancio in classifica

CDM-Rende 1-1 Costa circondato dagli avversari

Il “Celeste” si conferma stregato: anche contro il Rende la vittoria sfugge nel finale. Cammaroto in chiusura di primo tempo aveva siglato il gol del momentaneo 1-0. A tre minuti dal 90′, però, l’arbitro concede un penalty agli ospiti per un fallo di mano in area di Seck: dal dischetto trasforma Pignatta e per il Città di Messina sfuma l’aggancio in classifica ai calabresi.

Per la settima volta in questa stagione il Città di Messina subisce al “Celeste” una rete decisiva nei minuti finali e vede smaterializzarsi altri punti preziosi. Contro il Rende va in scena una gara dal copione già visto più volte nel corso di questo campionato. Padroni di casa in vantaggio grazie al colpo di testa di Cammaroto al 44′ del primo tempo. Nella ripresa gli ospiti spingono ma raramente si rendono pericolosi. Al 42′, però, su un cross da destra, il pallone va a sbattere sulla mano di Seck in piena area e l’arbitro assegna il rigore, poi trasformato da Pignatta. Per la terza volta nelle ultime tre gare giocate al “Celeste” il Città di Messina viene ripreso non solo nel finale ma sempre su calcio di rigore: era già successo contro il Comprensorio Montalto e il Licata. La squadra di Laganà fa solo un piccolo passo in avanti in classifica, toccando quota 30 punti, e non riesce a raggiungere il Rende, che resta a +3. Giovedì, nel turno infrasettimanale, gara esterna sul campo del Pomigliano.

CDM-Rende 1-1 Il gol Cammaroto

CDM-Rende 1-1 Il gol Cammaroto. Foto Isolino

LA CRONACA – Il Città di Messina torna al “Celeste” dopo oltre un mese: nelle ultime quattro gare, tre sono state giocate in trasferta ed una in campo neutro. La gara si disputa in anticipo perché domani la zona all’interno della quale ricade lo stadio sarà soggetta ad un provvedimento di evacuazione totale a causa delle previste operazioni di recupero di un ordigno bellico.

Il tecnico Gianfranco Laganà, che deve rinunciare allo squalificato Brancato ed all’infortunato Parachì, si affida al 3-5-2: in porta Mannino, in difesa Cammaroto, Frassica e Dombrovoschi, a centrocampo Cappello, Costa, Camarda, Santamaria e Portovenero, in attacco Vella e Manfrè.

CDM-Rende 1-1. L'esultanza dei messinesi dopo il gol del vantaggio

CDM-Rende 1-1. L’esultanza dei messinesi dopo il gol del vantaggio. Foto Isolino

In avvio di gara si registra subito un tentativo per parte. Al 2′ Pignatta calcia da fuori ma Mannino fa suo il pallone con sicurezza; risponde un minuto più tardi Santamaria con un sinistro da fuori che termina oltre la traversa. Lo stesso Santamaria ci riprova all’8′ calciando al volo dal limite e trovando la risposta in tuffo del portiere Greco. Dopo essere partita su buoni ritmi, la gara diventa avara di occasioni per un lungo tratto. Per rivedere un’azione pericolosa bisogna attendere, infatti, la mezzora: ad affacciarsi nell’area avversaria sono gli ospiti con Pignatta, il cui diagonale mancino si spegne ad un soffio dal palo alla sinistra di Mannino. La gara si riaccende nel finale di primo tempo: al 35′ tentativo dal limite di Vella, che manda il pallone di poco a lato; replica il Rende due minuti dopo con il tiro dalla distanza di Ottonello bloccato a terra da Mannino. Al 39′ Camarda su punizione invita al tiro Portovenero, la conclusione del giovane centrocampista è alta non di molto. Al 44′ si sblocca il punteggio: corner di Camarda e colpo di testa vincente di Giovanni Cammaroto. Per il difensore messinese terza rete stagionale e seconda consecutiva dopo il rigore trasformato contro il Torrecuso domenica scorsa. Si va al riposo così con il punteggio sull’1-0.

CDM-Rende 1-1. Vella supera un avversario.  Foto Isolino

CDM-Rende 1-1. Vella supera un avversario. Foto Isolino

Nella ripresa è il Rende a rendersi pericoloso dopo 7 minuti: il solito Pignatta riceve in area, stoppa bene di petto e in girata sfiora la traversa. Al 9′ è il Città di Messina a sfiorare il raddoppio: Costa lancia Vella, che da sinistra entra in area e, da posizione defilata, calcia in diagonale mandando la sfera di poco a lato. Il Rende va al tiro al 15′ ma la punizione di Ottonello non inquadra il bersaglio. Tra il 20′ e il 24′ Laganà effettua due cambi inserendo prima Seck per Santamaria e poi Bonamonte per Vella. Al 24′ Rende vicino al pari: su azione d’angolo, Musca colpisce di testa da distanza ravvicinata trovando la grande risposta di Mannino. Gli ospiti continuano a spingere con una certa continuità ma i successivi tentativi non creano affanni al portiere di casa: al 29′ il tiro di Ottonello viene deviato da Pignatta e finisce sul fondo; stesso esito per la conclusione di Lendi al 32′. Il Città di Messina si difende con ardore e non rischia più nulla fino al 42′, quando arriva però l’ennesimo episodio negativo di questa stagione: Grisolia va al cross da destra, il pallone va a sbattere da distanza ravvicinata sulla mano di Seck e l’arbitro concede il calcio di rigore. Sul dischetto va Pignatta, Mannino intercetta ma non riesce a neutralizzare il tiro angolato dell’attaccante avversario. Il Città di Messina viene così ripreso nei minuti finali di una gara casalinga per la settima volta in questo campionato.  Nei minuti di recupero c’è tempo però per altre occasioni. Il Rende tenta il colpaccio al 47′ ma Mannino fa suo il pallone sul tiro da fuori di Caruso. Il Città di Messina ci prova al 50′ con Galletta, entrato in campo pochi minuti prima, ma il tiro da buona posizione del giovane attaccante è deviato in angolo da un difensore avversario. Sul corner che segue, il pallone arriva a Bonamonte sul lato destro dell’area di rigore, destro al volo e palla oltre la traversa. 1-1 il punteggio finale.

CDM-Rende 1-1 Manfrè in azione

CDM-Rende 1-1 Manfrè in azione. Foto Isolino

Il Città di Messina fallisce dunque il possibile aggancio al Rende e, in attesa delle gare di domani, resta al 15° posto in classifica con 30 punti. Giovedì 17 aprile turno infrasettimanale: la squadra di Laganà sarà di scena sul campo del Pomigliano nella terzultima giornata della stagione regolare.

Il tabellino

Città di Messina – Rende 1-1

Marcatori: 44′ pt Cammaroto (CdM), 42′ st Pignatta (R) su rigore.

Città di Messina: Mannino, Dombrovoschi, Costa, Santamaria (20′ st Seck), Cammaroto, Frassica, Cappello, Portovenero (44′ st Galletta), Manfrè, Camarda, Vella (24′ st Bonamonte). In panchina: Fazzino, Cucè, Fragapane, Munafò, Trovato, Calogero. Allenatore: Gianfranco Laganà.

Rende: Greco, Miceli, Crispino, Di Finizio (10′ st Lendi), Deffo (35′ st Versace), Ginobili, Grisolia, Musca, Pignatta, Ottonello (45′ st Marchio), Caruso. In panchina: De Brasi, Pellegrino, Molinaro, Romano, Musacco, Irace. Allenatore: Bruno Trocini.

Arbitro: Andrea Mei della sezione di Pesaro.
Assistenti
: Michele Dell’Università della sezione di Aprilia e Domenico Franchitto della sezione di Cassino.

Ammoniti: 13′ pt Dombrovoschi (CdM), 29′ pt Di Finizio (R), 35′ pt Crispino (R), 3′ st Santamaria (CdM), 7′ st Mannino (CdM), 8′ st Pignatta (R), 25′ st Musca (R), 27′ st Lendi (R), 45′ st Seck (CdM).
Espulsi: nessuno.

Recupero: 1′ pt, 6′ st.

CDM-Rende 1-1  il pareggio dei calabresi realizzato da Pignatta

CDM-Rende 1-1 il pareggio dei calabresi realizzato da Pignatta. Foto Isolino

Commenta su Facebook

commenti