Orlandina Calcio, futuro in bilico. Si dimette il presidente Roberto Curasì

Orlandina 1944

Futuro nebuloso per l’A.S.D. Orlandina 1944, nata appena un anno fa per disputare la Seconda Categoria dopo il fallimento della storica società paladina. Il nuovo sodalizio biancazzurro, pur accolto nel plauso generale di tutti gli sportivi orlandini, rischia infatti di morire di disinteresse, se ad oggi il comitato di dirigenti con a capo Roberto Curasì non è riuscito a completare il budget di spesa per la prossima stagione, con già in tasca il ripescaggio in Prima Categoria. Proprio Curasì fa dunque un passo indietro, rassegnando le proprie dimissioni attraverso una nota a sua firma che fa un dettagliato resoconto dell’attuale situazione in capo alla società e offre persino documentazione e risorse economiche a possibili acquirenti.

Roberto Curasì

Roberto Curasì si dimette da presidente dell’Orlandina 1944

“A margine di numerosi incontri volti a programmare l’attività sociale per la stagione sportiva 2017/18 il presidente dimissionario riscontra l’impossibilità di allargare il perimetro societario e di fronteggiare adeguatamente il disinteresse lamentato nelle ultime settimane, dati questi  – si legge – che pongono lo stesso calcio orlandino di fronte ad una nuova crisi ad appena un anno dalla rinascita dalle sue stesse macerie. Nello specifico, dopo una settimana di serrata attività da parte di tutti i soci, dispiace constatare l’assenza di adesioni al progetto di rilancio del sodalizio tirrenico, nonché la difficoltà a reperire poche e nuove sponsorizzazioni che possano completare il budget di spesa per affrontare il prossimo campionato.

Lo stadio “Ciccino Micale”: Curasì ha già un accordo di massima con comune ed altre società per la sua gestione

Curasì, a nome dei soci che sono rimasti esattamente quelli che garantirono – nella scorsa stagione – la rifondazione della società, rinnova dunque l’appello a farsi avanti a soggetti interessati all’acquisizione del sodalizio. A questi saranno offerti – afferma il presidente – la domanda già inoltrata per l’ammissione al prossimo campionato di Seconda Categoria, la documentazione predisposta per eventuale richiesta di un accessibilissimo ripescaggio in Prima Categoria, un’intesa di massima raggiunta con Amministrazione Comunale, A.S.D. Femminile Nebrodi e A.S.D. Free Time per l’affidamento dello stadio “Ciccino Micale”, oltre che le risorse economiche già messe a disposizione dagli attuali soci, implementate da alcune sponsorizzazioni.

Basterà, all’A.S.D. Orlandina 1944, incontrare l’attenzione di alcuni appassionati e raggranellare qualche migliaio di euro per poter coprire il costo della prossima stagione sportiva nel suo totale, missione che l’attuale presidente, in rappresentanza dei soci, ha ad oggi fallito. Pur stanti le attuali difficoltà, il direttivo – conclude la nota – è certo che in una città di quindicimila abitanti che primeggia in tutti i campi – non ultimo lo sport – e pur mettendo in conto l’appeal esercitato dai ben più noti sodalizi sportivi operanti nel basket, nella pallavolo etc., non sarà difficile a nuovi dirigenti reperire le esigue, ma necessarie risorse per proteggere il calcio orlandino di cui tanto si parla ma per cui ben poco si fa.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com