Novelli: “Nel primo tempo è mancato qualcosa. Dovremo mostrare la nostra forza”

LomastoLomasto ancora a segno dopo Paternò e Troina (foto Paolo Furrer)

L’Acr Messina ha conquistato a Licata il 19esimo risultato utile consecutivo ma l’impressione è che con maggiore determinazione sarebbe potuta maturare una vittoria chiave in ottica promozione. Il tecnico Raffaele Novelli ai microfoni di Radio Night ha commentato con onestà una prova a due facce: “Siamo consapevoli che non abbiamo giocato un buon primo tempo. Potevamo fare qualcosa di più in fase di possesso, muoverci in modo diverso, chiudere alcuni spazi. Molte volte queste partite dal punto di vista psicologico ti tolgono tranquillità, serenità e lucidità”.

Raffaele Novelli

Il tecnico dell’Acr Messina Raffaele Novelli a Licata

I padroni di casa hanno dato il massimo nei primi 45’, calando poi visibilmente alla distanza, forse anche per il gran caldo: “Sono i veri valori dello sport, che ci gratificano ancora di più. Nessuno regala nulla, dipende tutto dalle nostre forze. Sarà così fino all’ultimo secondo dell’ultima giornata. L’importante è che lo facciano tutti”.

L’allenatore salernitano non crede che avere perso due punti stravolga gli equilibri consolidati: “A due giornate dalla fine non sarebbe cambiato molto. Siamo dall’inizio sempre in vetta, siamo ben allenati. Dobbiamo fare meglio nei primi tempi. Il Marina di Ragusa e il Sant’Agata cercano punti per la salvezza? Su molti campi abbiamo mostrato la nostra forza, ribaltando gare che sembravano compromesse. Dobbiamo continuare a farlo”.

tifosi Messina

Sugli spalti è tornato il calore dei tifosi (foto Paolo Furrer)

Si tornava in campo tre settimane dopo Troina, ma Novelli non cerca alibi: “Non credo che abbia pesato la sosta. Anche in passato poi siamo tornati a vincere dopo esserci fermati. A volte quando sei più spensierato non fai calcoli e sei libero mentalmente. Sappiamo di dovere costruire e vincere sempre. Dobbiamo preparare bene i prossimi impegni e finalizzare le azioni, ritrovando la continuità che ci ha sempre caratterizzato”.

Dopo sette mesi il pubblico tornava sugli spalti e ha rappresentato un grande alleato: “Sentire il calore dei tifosi già nel riscaldamento è da brividi. Ci devono dare forza, abbiamo tante persone accanto che ci sostengono dal primo giorno e ci inducono ad osare e a portare a casa il risultato”. 

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Ideatore di MessinaSportiva nel 2005, per tredici anni - dal 2002 al 2014 - ha lavorato nelle emittenti private TeleVip e Tremedia. Vanta alcune esperienze nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria"). Dal 2016 è tutor presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva