Novelli: “La voglia di raggiungere l’obiettivo e la testa fanno la differenza”

Raffaele NovelliIl tecnico dell'Acr Messina Raffaele Novelli

Il tecnico Raffaele Novelli non considera la promozione in C già acquisita. O almeno è il messaggio che ha voluto trasmettere in conferenza stampa alla sua squadra: “Ho sentito già fare proclami ma non ancora abbiamo nulla tra le mani. Dobbiamo essere intelligenti e maturi sotto molti aspetti. Le parole non fanno punti, il lavoro, l’ambizione e la volontà di raggiungere l’obiettivo fanno la differenza. L’aspetto mentale fa la differenza, è solo questione di testa ormai”. 

Acr Messina

L’Acr Messina celebra il successo di Castrovillari (foto Michele Martinisi)

L’avversario di turno è calato alla distanza dopo un bel girone di andata e ora deve amministrare tre punti di margine sulla zona playout: A prescindere da tutto sappiamo cosa dobbiamo fare. Il Santa Maria Cilento ha disputato un ottimo girone di andata, fa le due fasi di gioco molto bene, ha profondità e sa ripartire. Ha degli esterni di corsa e ti può mettere in difficoltà. Se li fai giocare incontri problemi. Dentro o fuori casa è lo stesso per noi, se cominci a fare distinzioni vai in difficoltà ma se hai equilibrio superi tutto”.

Nonostante il +4 sul Fc e il +6 sulla Gelbison, Novelli invoca quindi concentrazione: “È stata una settimana trascorsa come quelle passate con applicazione e intensità per fare qualcosa di nuovo a livello tattico. Se perdiamo le nostre caratteristiche siamo meno equilibrati. Il campionato ancora è lungo e difficile per tutti. Sono sette le gare ancora da disputare con 21 punti complessivi in palio e vanno affrontate con consapevolezza, senza illudersi che non si soffrirà fino all’ultima giornata“.

Foggia

Ciro Foggia sta trascinando la capolista (foto Giovanni Chillemi)

I quattordici risultati utili consecutivi dimostrano che l’Acr ha avuto fin qui la continuità determinante rispetto alle contendenti: “Tutti vogliono vincere i tornei ad inizio campionato, poi contano determinati aspetti globali da inserire in un contesto chiaro: da soli non si vince nulla, serve l’impegno da parte di tutte le componenti. Ancora non c’è nulla di concreto, tutti possono dare una svolta alla loro stagione. Alla fine alzeremo la testa e vedremo dove saremo”. 

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Ideatore di MessinaSportiva nel 2005, per tredici anni - dal 2002 al 2014 - ha lavorato nelle emittenti private TeleVip e Tremedia. Vanta alcune esperienze nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria"). Dal 2016 è tutor presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva