Nibali: “E’ solo sfortuna”. Ma la Astana lo ha lasciato solo

UTRECHT/ZELANDEIl gruppo spezzato in tre tronconi nella seconda frazione del Tour

Vincenzo Nibali spiega che cosa lo ha portato a perdere quasi un minuto e mezzo nella seconda tappa del Tour de France: “Abbiamo inseguito tutto il giorno. Sono rimasto indietro dopo la caduta di Adam Hansen, quando non ho capito bene cosa sia successo. Ho perso terreno lì e per giunta ho pure forato. Quando si corre in bici queste cose succedono. Giornata no? E’ stata questione di sfortuna, non di gambe. Questo è il ciclismo: bisogna saper accettare anche queste cose”.

UTRECHT/ZELANDE

Straordinari gli scenari offerti dall’ingegneria olandese. Le partenze dall’estero sono ormai una consuetudine per il Tour

Per lo “squalo dello Stretto” – dunque – è stata soltanto una giornata no. Ma oltre alla sfortuna c’è anche una condotta scriteriata da parte della Astana: non è possibile lasciare solo l’uomo classifica. La frazione si presentava da bollino rosso già dal via e la formazione kazaka doveva fare di tutto (e anche l’impossibile) per restare compatta attorno al proprio capitano. Una grande gara a tappe si vince anche con la cura dei dettagli. Questa volta Vinokourov ed il suo staff hanno di che rammaricarsi.

The following two tabs change content below.

Giuseppe Girolamo

Giornalista sportivo, iscritto all'OdG della Sicilia. Appassionato di ciclismo!

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva