La Sigma Barcellona vuole dimenticare Brescia alla vigilia di un doppio derby (VIDEO)

Tommaso Fantoni al tiro
Tommaso Fantoni al tiro

Tommaso Fantoni al tiro

E’ tornata ad allenarsi sul parquet del PalAlberti la Sigma Barcellona che vuole dimenticare la sconfitta patita nel finale di gara a Brescia, la prima dall’inizio della preparazione ad oggi. Il team del presidente Immacolato Bonina anche sul campo di una delle maggiori indiziate alla conquista della serie A, la squadra di Martellossi è infatti reduce dalla conquista della finale promozione e può contare su un organico più profondo rispetto allo scorso anno, ha dimostrato le proprie qualità tecniche inchinandosi solo nei minuti finali di match alla classe indiscussa di elementi del calibro di Tamar Slay, JR Giddens, Fabio Di Bella  e Robert Fultz  (hanno messo a referto 55 punti in quattro). Alla formazione allenata da Giovanni Perdichizzi non è bastata la vena realizzatrice del leader in cabina di regia Andrè Collins (26 punti col 100% ai liberi, 5 rimbalzi e 25 di valutazione), in doppia cifra sono arrivati anche il solito Alex Young (13) e il capitano Giuliano Maresca (10). Sono mancati in fase realizzativa invece i punti di Demian Filloy, fermatosi a quota 4 ed hanno inciso nel confronto in terra lombarda le precarie condizioni fisiche di Nicola Natali e Mauro Pinton (in campo rispettivamente per 21 e 15 minuti) che hanno limitato lo scacchiere giallorosso di due fondamentali rotazioni.

Natali in difesa su Loschi Brescia)

Natali in difesa su Loschi (Brescia)

E’ stata una partita dai due volti per i giallorossi che nella prima metà di gara hanno sofferto l’intraprendenza di Brescia, per poi crescere col trascorrere dei minuti in caparbietà e sul piano della reazione, rimontando gli punto su punto gli avversari. Determinanti in negativo sono risultati gli ultimi giri di orologio con Brescia che ha costruito con buoni tiri la sua vittoria mentre Barcellona ha pagato dazio alla voce lucidità (sbagliata la tripla del possibile pareggio proprio con Collins, ndc) dopo aver effettuato una grande rimonta, a testimonianza del grande carattere degli uomini di Perdichizzi. L’attenzione di tutto l’ambiente giallorosso si sposta adesso alle prossime sfide che il calendario riserva, e precisamente ai due derby da giocare consecutivamente al PalAlberti, il primo contro i ‘’cugini’’ di Trapani (domenica 27 ottobre; arbitri i sigg. Gagliardi, Bramante e Buttinelli) e successivamente nel turno infrasettimanale con l’Orlandina (giovedì 31). Due sfide molto sentite dalla piazza che dovranno confermare la quadratura del cerchio dell’organico costruito in estate dalla dirigenza siciliana con in testa il general manager Antonello Riva.

Il capitano Giuliano Maresca appoggia a canestro

Il capitano Giuliano Maresca appoggia a canestro

Per quanto riguarda i singoli lo staff sanitario lavora al pieno recupero di Natali, l’ala ex Forlì è reduce da una botta al polso, del play proveniente da Sassari Pinton, che necessita di ulteriori minuti nelle gambe per crescere d’autonomia e il pivot Fantoni, uscito anche lui dolorante dall’ultima sfida di campionato.
In casa Barcellona nessuno vuole proiettarsi prematuramente al derbyssimo con Capo d’Orlando e distrarre gli occhi da dosso alla lanciatissima Pallacanestro Trapani, appaiata in classifica alla Sigma grazie ai 4 punti ottenuti nelle due uscite casalinghe del PalaIlio. Il team granata ha ritrovato in estate il secondo campionato nazionale dopo aver acquisito i diritti del titolo sportivo di Scafati (i campani sono ripartiti dalla DNB, ndc). Quello domenicale si annuncia essere un confronto difficile contro una squadra ben allenata dall’esperto Lino Lardo e che sta ottenendo grandi numeri dalla coppia di atleti americani, il play Kelvin Parker (16 punti di media al tiro col 50% da tre e quasi 6 assist a partita) e la guardia Robert Lowery (15 punti e 7 rimbalzi). Da sottolineare anche le cifre del pivot Patrick Baldassarre, a lungo corteggiato in sede di mercato da Barcellona lo scorso anno, miglior marcatore di squadra con quasi 17 punti e Giancarlo Ferrero, per l’ex Casale Monferrato 11,3 marcature di media partita. Insomma le premesse per vivere una partita di alto livello ci sono tutte e per Barcellona non ci saranno altre possibilità che tornare al successo per dimostrare che quello di Brescia è solo un incidente di percorso che può capitare nel corso di una stagione che si annuncia essere molto lunga ed emozionante.

Lino Lardo (all. Trapani)

Lino Lardo (all. Trapani)

Questo il video con le migliori azioni del match tra Brescia e Barcellona:

Commenta su Facebook

commenti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com