La Figc fissa in 1,2 milioni di euro la quota per iscrivere una seconda squadra in C

FIGCLa sede della Figc

Il Commissario Straordinario Roberto Fabbricini ha ufficializzato l’immediata introduzione delle seconde squadre già a partire dalla prossima serie C, in caso ovviamente di vacanze d’organico per la mancata iscrizione di una delle 60 società aventi diritto. Nella delibera sono stati anche fissati gli adempimenti richiesti ai club di massima serie per iscrivere una loro formazione “B” in Lega Pro, che riportiamo di seguito:

Roberto Fabbricini

Il commissario straordinario della Figc Roberto Fabbricini (foto Ansa)

Le società di Serie A, interessate a partecipare al Campionato Serie C 2018/2019 con le Seconde squadre, dovranno entro il termine perentorio del 27 luglio 2018:
– presentare domanda di iscrizione alla Lega Italiana Calcio Professionistico;
– disporre di un impianto sportivo, ubicato nella regione in cui hanno sede, che soddisfi tutti i requisiti infrastrutturali previsti dalle Licenze Nazionali per l’iscrizione al Campionato Serie C 2018/2019 e presentare nel suddetto termine tutta la relativa documentazione di supporto, alla Commissione Criteri Infrastrutturali e Sportivi-Organizzativi;

– depositare, presso la Commissione Criteri Infrastrutturali e Sportivi-Organizzativi, gli impegni a dotarsi entro il 1° agosto 2018, per la Seconda squadra, delle figure previste dal punto 2) lett. a), b), c), d), e), f), g), q) dell’allegato al Comunicato Ufficiale n. 28/A del 13 aprile 2018, secondo le modalità ivi stabilite. Il mancato rispetto del termine del 27 luglio 2018 e/o di quello dell’1 agosto 2018, comporterà l’applicazione delle medesime sanzioni previste per le società di Serie C dal suddetto Comunicato Ufficiale;
– versare in favore della Lega Italiana Calcio Professionistico un contributo straordinario di euro 1.200.000,00, che verrà richiesto per ogni anno di iscrizione.

Lega Pro

La sede della Lega Pro a Firenze

L’ammissione della Seconda squadra al Campionato Serie C sarà altresì condizionata alla ammissione della società al campionato di Serie A. Eventuali ricorsi avverso la non ammissione della Seconda squadra al Campionato di Serie C potranno proporsi al Collegio di Garanzia dello Sport presso il CONI, nei termini e con le modalità previsti dall’apposito Regolamento, emanato ai sensi dell’art. 54 del Codice di Giustizia Sportiva del CONI. La società di Serie A che partecipa con la Seconda squadra ad un Campionato professionistico di categoria inferiore non acquisisce diritti economici, né il diritto di voto, pur essendo rappresentata, nell’ambito di detta categoria.

Commenta su Facebook

commenti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com