La decisione finale sulla Vigor solo a metà ottobre. Slitta anche l’ok per Zanini

ConiL'ingresso della sede del Coni

Mentre i tifosi sono tornati finalmente a concentrarsi sul calcio giocato non è stata scritta ancora la parola fine sull’interminabile querelle giudiziaria che ha contraddistinto l’ultima estate, riaprendo peraltro le porte della Lega Pro al Messina.

L'avvocato bolognese Mattia Grassani, che assiste Entella, Ascoli e Gubbio

L’avvocato bolognese Mattia Grassani ha assistito l’ACR Messina nella seconda fase del processo sul calcioscommesse

Mercoledì, proprio mentre l’ACR era di scena al “Vigorito” di Benevento, il Collegio di Garanzia dello Sport ha respinto l’istanza di sospensione cautelare presentata dal Forlì e finalizzata a “bloccare” le gare di campionato di Teramo e Savona. Gli abruzzesi, ricacciati in terza serie dopo la cancellazione della B conquistata sul campo, la Vigor Lamezia e la Torres hanno a questo punto rinunciato all’istanza di sospensiva.

Una decisione “indotta” dagli avvocati del Messina, il bolognese Mattia Grassani ed il messinese Giovanni Villari, che si sono visti accogliere la richiesta di rinvio. L’organo di terzo grado infatti ha affrontato soltanto la trattazione della fase cautelare e non ha discusso invece il merito dei ricorsi, posticipato ad una prossima udienza, che sarà fissata dopo la scadenza dei termini per la proposizione di eventuali ulteriori impugnazioni rispetto alle decisioni della Corte Federale di Appello. Martedì 22 settembre il Messina ha inviato telematicamente al Coni la nuova memoria difensiva.

L'avvocato messinese Giovanni Villari ha coordinato il pool di legali che tutela l'ACR

Il legale Giovanni Villari ha accolto con soddisfazione le pronunce favorevoli al Messina

Ovviamente soddisfatto il legale dell’ACR Giovanni Villari: “Il tutto slitta a metà ottobre ed a questo punto non sembrano più esserci dubbi in merito alla partecipazione del Messina al campionato di Lega Pro, peraltro già in corso. Fino a mercoledì vi era però il rischio, tutt’altro che ipotetico, di un ulteriore stravolgimento degli organici, dal momento che si erano disputate appena due gare. Viceversa è ovvio che più tempo passa più appare improbabile che tutto possa essere rimesso ancora in discussione”.

La Vigor intanto ha già subito una doppia ulteriore bocciatura. Dopo l’improcedibilità del ricorso cautelare, avanzato quando ancora non si conoscevano le motivazioni della sentenza di secondo grado, è stata sancita l’inammissibilità dell’impugnazione che riguardava soltanto il dispositivo.

La Corte Federale d'Appello

Alcuni dei componenti della Corte Federale d’Appello, che ha sanzionato duramente la Vigor Lamezia, riaprendo le porte del professionismo al Messina

Dicevamo della scadenza dei termini. A cercare di quantificare i tempi è proprio Villari: “Il 9 ottobre è l’ultimo giorno utile per potere proporre ulteriori ricorsi. Per cui l’udienza che si presume decisiva potrebbe essere fissata già giorno 10. Se però arriveranno ulteriori impugnazioni prima di quella data ci vorranno altri dieci giorni di tempo per consentire alle controparti di presentare le eventuali memorie difensive. Insomma, il rischio concreto è che si possa arrivare anche alla terza settimana di ottobre…”.

Se i continui rinvii rappresentano la conferma indiretta che il posto in Lega Pro del Messina non è più in discussione, non si dipana invece la matassa legata al tesseramento dell’esterno Matteo Zanini. L’ex cosentino è di proprietà del Cesena, con cui il direttore sportivo Christian Argurio ha raggiunto da tempo l’accordo, nell’ambito dell’operazione che ha portato in riva allo Stretto anche il difensore Luigi Palumbo, già impiegato a Monopoli e Benevento.

Zanini contende una maglia da titolare a Ciancio, già obiettivo di mercato estivo del Messina

L’ex cosentino Matteo Zanini attende ormai da un mese l’ok per il suo tesseramento da parte del Messina

In estate però il 21enne originario di Lodi (clicca qui per rileggere la sua intervista) era stato tesserato dalla Torres, proprio uno dei club che poi il professionismo lo ha perso nell’ambito del calcio-scommesse. Il ricorso presentato dai sardi “congela” tutto. Il timore crescente in queste ore è che diventi tesserabile soltanto ad ottobre, a caso chiuso. Nel frattempo il Messina potrebbe decidere di guardarsi attorno, attingendo magari al mercato degli svincolati, alla ricerca del settimo ed ultimo under da inserire in rosa.

Commenta su Facebook

commenti