La Costa d’Orlando vola in vetta, l’FP Sport Messina sogna ad occhi aperti

Costa d'OrlandoGrande chiacciata di Griffin

La Costa d’Orlando continua a dominare il girone siciliano della C Silver: sei vittorie su sei e primato in classifica a punteggio pieno per la squadra di Peppe Condello. L’ultimo successo della serie è arrivato sabato nel derby con il Nuovo Avvenire Spadafora (92-64 il finale), al termine di un match condotto con autorità fin dalle prime battute. Fazio e soci doppiano gli Spartans già al 10’ (22-11), ma nel secondo parziale il team di Maganza tiene botta (42-31 a metà tempo) grazie anche al solito Stuppia (14). Costa scatenata nella terza frazione, e vantaggio raddoppiato al 30’ (68-46). Spadafora cerca di rientrare, con Scozzaro (14) e Mobilia (11), ma i paladini, che mandano in doppia cifra ben cinque giocatori (Fazio 17, Sgrò 16, Griffin 15, Marinello 14 e Bowman 12), non fanno sconti.

Serie C Silver

FP Sport Messina festeggia la vittoria con l’Alfa Catania

La sorpresa più grande di questo inizio di stagione è sicuramente l’FP Sport Messina, seconda assoluta in graduatoria con 10 punti all’attivo (due in meno rispetto alla capolista). La squadra di Francesco Paladina, dopo la bella vittoria nel derby, regala una nuova prestazione da incorniciare contro l’Alfa Catania. Gara equilibrata nel primo periodo (16-15 al 10’): protagonista Squillaci (17). Poi gli etnei, trascinati da Gottini (24) e Byrd (21), mettono la testa avanti, ma i peloritani non mollano (38-39 all’intervallo lungo). L’equilibrio si spezza sul finire del terzo parziale, quando Salvatico (22) e Caddel (35 punti il suo bottino personale) scavano un solco di 5 lunghezze (56-51). E’ sempre lo statunitense a fare la differenza: le sue triple tengono a distanza il team di coach Bianca che non riesce a rientrare. Finisce 70-62 per i messinesi che adesso sognano ad occhi aperti.

Demerik Weglinski in lunetta

Demerik Weglinski in lunetta

Alfa Catania che rimane ferma a quota otto, come la Nova Virtus Ragusa, fermata al PalaTracuzzi dalla condensa quando era in vantaggio per 42-31 sul Gruppo Zenith Messina. Bene gli scolari nel primo periodo, con Weglinski autore di 18 punti complessivi, chiuso in vantaggio per 17-12. Ragusa passa a condurre nel secondo parziale che si chiude sul 27-32. Poi, nei quasi quattro minuti giocati del terzo periodo, il vantaggio sale grazie alla buona circolazione di palla e alle triple di Sorrentino (9), ma il parquet umido costringe gli arbitri a sospendere la partita che si dovrà rigiocare dall’inizio in data da destinarsi.

C Silver

La gioia del Gravina

A quota otto c’è anche lo Sport Club Gravina. I ragazzi di coach Marchesano espugnano il campo dell’Eagles Palermo, riscattando immediatamente la sconfitta casalinga subita con la Studentesca Licata. Il 67-72 finale è maturato grazie alla buona prova di squadra degli etnei che hanno trovato in Ilic (24 punti), Santonocito (20) e Casiraghi (16) delle implacabili bocche da fuoco. Primo tempo in equilibrio (31-30), poi Gravina mette la freccia e scappa sul 48-57. Nel quarto finale la squadra di Priulla pareggia e poi sorpassa con la tripla di Taylor, ma non basta per avere la meglio sui catanesi che con un parziale di 8-0 conquistano due punti pesantissimi. Alle aquile non sono sufficienti i 24 punti realizzati da Taylor e i 20 di Ross.

Green Basket Palermo

Blanks nel cuore della difesa ospite

A sei punti, insieme a Spadafora e all’Aretusa, rimasta ferma per il rinvio del match contro il Cocuzza, c’è adesso il Green Palermo. Vittoria facile per i ragazzi di Marco Verderosa, che si sono sbarazzati facilmente del CUS Catania, superato per 82-40. Gara senza storia, i palermitani chiudono avanti la prima frazione (25-16), poi impongono la propria schiacciante supremazia lasciando agli avversari appena 24 punti nei rimanenti tre quarti di gioco. Il solo Tagliareni non va a segno per il Green che manda in doppia cifra: Tolliver 23, Blanks 18, Lombardo 12, Gentili 11. Per gli universitari catanesi in evidenza Abramo (16) e Cantone (9).

Time out Agatirno

Time out Agatirno

Successo importante ai fini della classifica per la Nuova Agatirno, infatti i paladini lasciano a quota due punti Gruppo Zenith Messina e CUS Catania e agganciano a quota quattro l’Eagles Palermo e la Studentesca Licata, avversario di turno superato a domicilio con il punteggio di 80-81. I giovani orlandini hanno condotto la sfida per buona parte del tempo, raggiungendo un vantaggio di 14 lunghezze. Nel quarto finale la formazione di coach Castorina riesce a rimontare, portandosi a condurre sul 74-72. Nel finale Matteo Galipò (autore di 35 punti) piazza tre bombe decisive che non lasciano scampo agli agrigentini. Agatirno super anche senza Stocks, manda in doppia cifra anche Winford (12). Al Licata non bastano l’ottimo Stanic (30 punti a referto) e Riferi (15).

Nel prossimo week-end si gioca la settima giornata. Si comincia sabato 12 novembre alle 18:30 con lo scontro di alta classifica fra Alfa Catania e Nova Virtus Ragusa (dirigono Di Giorgi e Calandra di Palermo); alle 19 c’è CUS Catania – FP Sport Messina (Antonio Giunta e Francesco Giunta di Ragusa); alle 19:30 i due derby messinesi: Nuovo Avvenire Spadafora – Peppino Cocuzza 1947 (Fichera di Aci Catena e Parisi di Catania) e Nuova Agatirno – Gruppo Zenith Messina (Barbera e Tartamella di Trapani). Domenica alle 18 si affronteranno: Aretusa Siracusa – Studentesca Licata (Cannata e D’Amore di Messina); Eagles Palermo – Costa d’Orlando (Paternicò di Piazza Armerina e Massari di Ragusa; mentre alle 19:00 chiude il quadro il match fra Sport Club Gravina e Green Basket Palermo (Di Mauro e Attard di Priolo Gargallo).

Commenta su Facebook

commenti