Il Cocuzza chiude con una sconfitta contro l’Acireale il suo campionato

Il Cocuzza di San FIlippo del MelaIl Cocuzza di San FIlippo del Mela

Il Cocuzza chiude la stagione 2014-2015 con una sconfitta. I filippesi cedono al PalaCus di Catania col punteggio di 84 a 67 contro l’Acireale. Il successo acese è maturato alla fine di una gara sempre in mano al quintetto granata che ha raggiunto nel terzo quarto anche il massimo vantaggio di 26 punti di scarto. La squadra di Romeo ha cercato di reagire, portandosi fino al -10, ma Acireale ha gestito bene il vantaggio allungando ancora nei minuti finali.

Pandolfi lotta sotto canestro

Pandolfi in azione

San Filippo parte con Albana, Paggi, Carpinteri, Luzza e Laganà ; Acireale risponde con Patanè, Ferrara, Cusenza, Maric ed Abramo. E’ subito 4 ad 1 con i canestri di Cusenza e Ferrara dopo due minuti; ma al 3’ è parità 6 a 6 a firma Albana e Luzza. Ancora Luzza sigla l’unico vantaggio ospite in tutta la gara al 4’, 8 a 10, ma ci pensa Arcidiacono con una azione da tre punti, canestro più fallo subito a cercare di rompere l’equilibrio:15 a 12 al  settimo. Carpinteri dalla lunetta pareggia 15 a 15, ma Acireale adesso chiude bene in difesa costringe l’attacco avversario a tiri forzati che non approdano a nulla mentre in attacco Patanè con due triple consecutive lancia i suoi sul più 6: 21 a 15. Il primo parziale si chiude sul più 10, 25 a 15 con le conclusioni vincenti di Abramo. Il secondo periodo vede ancora gli ospiti in grande difficoltà in attacco con basse percentuali al tiro mentre in difesa subiscono la tripla di Maric ed il canestro sottomisura di Cusenza per il 30 a 19 al 12’. Pandolfi (20 punti) e Laganà cercano di limitare i danni ma al 16’ le squadre sono sul 36 a 21 e poi Cusenza (5 su 6 da due) con tre canestri consecutivi lancia Acireale sul 44 a 24 al 18’. Con Arcidiacono, quasi perfetto con 8 su 9 dal perimetro e 19 punti finali, si va al riposo lungo sul 48-26.

Carpinteri al tiro

Carpinteri al tiro

Nella terza frazione gli acesi gestiscono bene il vantaggio, sprecano qualcosa in attacco con alcuni palloni persi banalmente e dopo aver raggiunto più 26, viaggiano sempre con un rassicurante margine di 20 punti, 58-38 al 23’. Bene Arena in tal frangente con il 50% da due punti ed anche Ferrara con 3 su 5. Alla penultima sirena il tabellone recita: Acireale 62 Cocuzza 38. Gli ultimi dieci minuti iniziano all’insegna di Laganà e Pandolfi che cercano di rompere l’andamento della gara. Acireale comincia a sparacchiare in attacco ed a concedere facili conclusioni in contropiede agli ospiti. Albana e compagnia recuperano fino a meno 10 ma Arena riprende le redini del gioco granata e Cusenza (6 su 7) e Patanè (3 su 4) dalla lunetta non sbagliano per l’84-67 finale. Acireale vince con merito contro un San Filippo in cui certamente Paggi, Carpinteri ed Albana non hanno brillato.

Tabellino:

Acireale: Arena 8, Cerame, Maric 11, Ferrara 10, Patanè 13,Arcidiacono 19, Gulisano, Cusenza 16, Massimino, Abramo 7. Allenatore: Foti. Assistente: Zagame.

Tiri da tre punti: 5 su 13. Tiri Liberi: 15 su 21. Rimbalzi 45. Tiri da tre punti. Patanè 2, Maric 3.

Cocuzza San Filippo: La Malfa, Paggi 6, Carpinteri 8, Paulesu, Pandolfi 20, Albana 9, Cocuzza, Colica, Luzza 9,Laganà 13. Allenatore: Romeo. Assistente: Calderone.

Tiri da tre punti: 3 su 17. Tiri liberi: 10 su 18. Rimbalzi 41. Tiri da tre: Pandolfi 2, Laganà 1.

Parziali: 25 – 15; 23 a 11; 14 a 12; 22 a 29.

Arbitri: Nocera di Catanzaro e Viglianisi di Reggio Calabria.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva