Il Città di Messina riparte dalla vecchia guardia. Bombara e Cardia i primi riconfermati

BombaraBombara e compagni protagonisti di una grande stagione

Finita una partita, il Città di Messina vuole chiuderne un’altra. La società guidata da Maurizio Lo Re sta camminando con passi silenziosi ma decisi verso la prossima stagione, quella del ritorno in Serie D. Lo scorso fine settimana è stato quello della conferma in toto di tutto lo staff tecnico. Mister Giuseppe Furnari e il ds Angelo Alessandro saranno i punti fermi per il prossimo campionato. Una decisione preventivabile ma non del tutto scontata, visto che sul tecnico giallorosso era piombata più di qualche società desiderosa di vivere un’annata da protagonista in Eccellenza. Questa settimana, invece, si sta iniziando a guardare all’aspetto puramente tecnico, vale a dire alla rosa che dovrà puntare alla permanenza in quarta serie.

Cardia, autore dell’1-1 (foto Vincenzo Nicita Mauro)

Non ci sarà alcuna rivoluzione, anzi, il Città di Messina 2018/2019 ripartirà dalla vecchia guardia, da quegli elementi che hanno caratterizzato il doppio salto, dalla Promozione alla Serie D. I primi a dare la disponibilità affinchè continui la loro avventura in giallorosso sono stati il capitano Domenico Bombara e Francesco Cardia. Due uomini di grande esperienza e qualità, da cui Furnari non potrà prescindere per puntare alla salvezza. Un segnale per tutto l’ambiente, anche se da qui ai prossimi giorni ci potranno essere ulteriori conferme. Una volta avuto il quadro completo degli elementi confermati si potrà iniziare a progettare il rafforzamento della rosa, guardando al mercato nel modo in cui il Città di Messina sa fare, vale a dire spendendo con oculatezza e scegliendo i giocatori utili al posto giusto.

Camaro-Città di Messina (foto Vincenzo Nicita Mauro)

E’ evidente, però, che la rosa non potrà essere confermata in toto, così qualche elemento sarà libero di cercare qualche esperienza altrove, magari in Eccellenza. Capitolo stadio. Il preventivo del Camaro per utilizzare il “Marullo” in occasione delle partite casalinghe è arrivato, adesso si attende un’analisi dei costi ma al momento non sembrano esserci grossi dubbi sul fatto che l’impianto di Bisconte sarà la casa del Città di Messina per la prossima stagione.

Commenta su Facebook

commenti