FP Sport a testa alta a Licata. La sconfitta arriva sui titoli di coda

Lotta a rimbalzo del match Licata-FP Sport
Lotta a rimbalzo del match Licata-FP Sport

Lotta a rimbalzo del match Licata-FP Sport

L’FP Sport Messina non riesce a centrare il pokerissimo di vittorie cadendo solo nel finale sul parquet di Licata. La squadra di coach Paladina a tratti domina i padroni di casa che nel momento decisivo hanno sfruttato la grande esperienza in loro possesso.
La coppia arbitrale gestisce bene i primi tre quarti, l’ultimo é un po’ da rivedere, ma l’FP Sport arriva all’importante appuntamento in terra agrigentina a ranghi ristretti, sono diverse le assenze  in canotta bianco celeste (Sabarese, Squillaci, Greco, Forzano e Lucchesi).
Cavalieri e compagni non hanno niente da recriminare, hanno profuso il massimo impegno e fino a quando gli è stato possibile hanno giocato un bel basket.
La partita ha visto un primo quarto molto nervoso, la squadra di casa non riesce ad ingranare e la giovane FP Sport  prende fiducia canestro dopo canestro.

La difesa raddoppia su Cavalieri (FP Sport)

La difesa raddoppia su Cavalieri (FP Sport)

Ad inizio gara coach Paladina ha una grande intuizione, rivoluzionare di nuovo il quintetto di partenza mettendo dentro il giovanissimo Arigó, che non delude le aspettative, mettendo grossa pressione sul playmaker avversario Beto Manzo e rompendo molti meccanismi di una squadra costruita per arrivare fino in fondo. Nel secondo e terzo quarto continua il botta e risposta tra le due compagini.
Il coach locale Castorina fa molta fatica a trovare una difesa per fermare il capitano dell’FP Sport Cavalieri, che distribuisce assist e fa gonfiare spesso la retina (alla fine realizzerà 30 punti).
L’atleta romano è supportato ottimamente dalla giovane ala Mirenda e dall’esterno Perrone.
Ma come al solito coach Paladina riesce a tirare fuori dal cilindro sempre un giovane a rotazione ed oggi é toccato al playmaker Michele Bonanno, che con le sue penetrazione e la sua grinta riesce a dare una marcia in più all’Fp Sport Messina, con i peloritani che arrivano anche in doppia cifra di vantaggio.

Mirenda (FP) rimette la palla

Mirenda (FP) rimette la palla

Nell’ultimo quarto la giovane età e qualche svista arbitrale danno merito alla Studentesca Licata , che in classifica conquista due punti molto sudati.
Il bilancio dell’FP Sport é molto positivo, con una squadra ridotta all’osso e contro una squadra costruita per vincere e con molta esperienza dalla sua parte, non ha fatto sicuramente la vittima sacrificale perdendo solo di sei punti (68-62 il punteggio finale). Il tecnico Paladina, considerata la prestazione, può stare tranquillo in vista dei prossimi impegni a cominciare dalla sfida interna di domenica prossima contro il Paceco. A fine gara l’ala Paolo Ponzù ha commentato la prestazione dei suoi compagni: “Abbiamo dato tutto quello che avevamo e forse di più, la giovane età ci ha penalizzato e l’assenza  di due pedine fondamentali del quintetto come Squillaci e Sabarese si sono fatte sentire ma abbiamo dato filo da torcere ad una squadra che sicuramente sulla carta doveva essere molto più forte di noi, ma così non mi è sembrato”.

La panchina dell'FP Sport Messina

La panchina dell’FP Sport Messina

Studentesca Licata-FP Sport Messina 68-62
Parziali: 14-14; 19-18; 17-18; 18-12
Licata: Lombardo 10, Pozzo 15, De Caro n.e. La Marca 2, Romeo, Incorvaia, Iacona, Falanga 18, Abela 3, Manzo 8, Manattini 12. All: Castorina
FP Sport: Mirenda 6, Bonanno 11, Buono 6, Santoro, Cavalieri 30, Aricò, Ponzù 2, Perrone 5. All: Paladina

Commenta su Facebook

commenti