Fortitudo Messina, sconfitta pesante a Bari. Si complica la corsa salvezza

Fortitudo MessinaLa Fortitudo Messina schierata a Bari

Pesante sconfitta esterna per la Fortitudo Messina nella terza sfida del girone playout: i neroverdi cadono 82-61 sul parquet della Tecnoeleva Adria Bari, con il divario che si allarga pesantemente con il break finale dei pugliesi di 20-5. I ragazzi di coach Cavalieri, nonostante le basse percentuali al tiro e dopo aver chiuso avanti il primo quarto sul 21-24, erano riusciti a restare aggrappati al match, rintuzzando tutti i tentativi di fuga dei baresi, ma il castello è definitivamente crollato dopo l’uscita dal campo per falli di Kader a 6′ dalla sirena.

Fortitudo Messina

Matteo Mollica attacca il canestro (foto Andrea Pagano)

Subito due rimbalzi offensivi per i peloritani, ma il primo canestro lo segna Marinelli al quarto tentativo. L’Adria Bari piazza subito il sorpasso con le triple di Rodriguez e Lupo, pareggiate però dai canestri di Nnabuife e Kader. Anche Vorzillo e Callara si iscrivono alla “serata delle bombe” e i padroni di casa toccano il 15-11 con 4/6 dall’arco. Segnano Cavalieri, Pugliese e Tagliano, ma i locali non sbagliano un colpo in attacco, con Rodriguez che infila due canestri consecutivi per il 21-15. Momento difficile, ma la Fortitudo reagisce e piazza un parziale di 0-9 chiudendo il quarto sul 21-24 grazie al 2/2 di Marinelli, la tripla di Scozzaro e i canestri di Cavalieri e Mollica.

Botta e risposta tra Vorzillo e Mollica dopo oltre due minuti di silenzio offensivo, con i pugliesi che provano a dare la prima spallata al match completando un break di 13-0. Callara, Preite, Lupo, Vorzillo e Rodriguez confezionano il 36-26, con l’attacco della Fortitudo che perde ritmo tra lo 0/3 di Scozzaro da fuori e un paio di penetrazioni forzate. Break barese interrotto da Kader, che realizza dopo il rimbalzo offensivo, e Cavalieri (36-30). Si segna col contagocce: Cavalieri mette quattro punti consecutivi, poi Marinelli infila la seconda tripla di squadra per il 39-35 e il quarto si chiude con il canestro di Rodriguez e il 3/3 dalla lunetta di Marinelli sulla sirena. 41-38, 12 per il play romano e situazione falli non semplice per la Fortitudo, con due sanzioni ciascuno per l’intero quintetto titolare.

Fortitudo Messina

Nnabuife cerca di farsi largo (foto Andrea Pagano)

Gran canestro di Cavalieri che tocca la doppia cifra al rientro dall’intervallo lungo, ma è gioia effimera, perché l’Adria Bari completa un parziale di 15-2 che porta il punteggio sul 54-42. Lupo, Vorzillo e Callara gonfiano la retina dalla lunga distanza, mentre la Fortitudo fa i conti con troppe forzature offensive e segna solo dalla lunetta con Tagliano. Arriva, però, l’ennesima reazione con quattro punti dello stesso Tagliano, due di Cavalieri e Marinelli, con il quarto che va in archivio sul 58-50.

Ultimi dieci minuti “sporchi”: Rodriguez piazza la solita bomba per il +11 (61-50), cui risponde Scozzaro con il primo canestro del quarto dopo oltre due minuti di gioco. Kader commette due falli in una manciata di secondi e sale a quattro personali quando mancano sette minuti alla chiusura del match. Tecnico alla panchina di casa convertito da Tagliano e poi un bel movimento sotto canestro di Kader che ridà speranze alla truppa neroverde. 62-56, ma nell’azione successiva il centro messinese è costretto a lasciare il campo per cinque falli. Mancano a 5’54”, Bari allunga dalla lunetta e poi chiude il conto con i canestri di Ferraretti e Rodriguez (74-58 quando mancano 2’39”). Scozzaro trova un canestro da tre, ma Adria Bari non è sazia e consolida il successo con le ennesime bombe di serata realizzate da Callara e Vorzillo per l’82-61.

Fortitudo Messina

Marinelli miglior realizzatore per la Fortitudo (foto Andrea Pagano)

Tecnoeleva Adria Bari-Fortitudo Messina 82-61
Parziali: 21-24, 41-38, 58-50.
Tecnoeleva Adria Bari: Guerrieri, Rodriguez 26, Ravelli 1, La Ragione, Lupo 13, Callara 12, Ferraretti 2, Pugliese 5, Preite 4, Vorzillo 19, Loprieno. All. Luisi.
Fortitudo Messina: Mento, Marinelli 14, S. Cavalieri 13, Caporossi, Scozzaro 9, Nnabuife 2, Mollica 4, Giovani, Molonia, Kader 8, Tagliano 11. All. C. Cavalieri.
Arbitri: Matteo Serse di Brindisi e Mauro Sacco di Salerno.

Autori

+ posts

MessinaSportiva.it è stato fondato nel 2005 da Francesco Straface. Nato da una costola di un portale creato nel 2002 per seguire la Pallacanestro Messina, matricola in serie A1 maschile, ha sempre seguito con attenzione il calcio cittadino, dando però spazio a tantissime realtà, anche le meno conosciute. Rappresenta ormai un punto di riferimento per gli sportivi di città e provincia