San Matteo, il presidente Grillo: “Siamo pronte per la serie B Femminile”

Simona GrilloSimona Grillo in azione in Cus Unime-Nuova Trogylos (foto Vincenzo Nicita Mauro)

Il presidente della Fontalba San Matteo Simona Grillo ha stilato un personale consuntivo della stagione appena conclusa all’ufficio stampa del club. L’esperta giocatrice ha parlato del prossimo futuro dopo aver archiviato il primo anno da massimo dirigente di una società sportiva. Quali erano le aspettative, sono state realizzate? “Purtroppo non era nelle mie prospettive rivestire questo ruolo. Avevo altri progetti, ma dopo la tragedia ho dovuto prendere le redini di questa società, soprattutto per non vanificare il lavoro, la passione e i sacrifici compiuti dall’ex presidente Pierluigi Mollica“. 

Fontalba San Matteo

La Coppa del primo posto per la Fontalba San Matteo

“Ad ottobre, quando ho incontrato le ragazze, ho comunicato le mie intenzioni di andare avanti e proseguire tutto ciò che era stato fatto e non disperdere il patrimonio rappresentato dalla società. Dopodiché ho fatto tutto ciò che si doveva burocraticamente e mi sono immersa nella veste di presidente e giocatrice. All’inizio avevo un po’ di paura, pensavo di non farcela, ma con il passare dei giorni mi sono un po’ “sollevata” e sono andata avanti grazie anche a tutte le persone che mi sono state vicine. Fin dalle prime riunioni con la dirigenza, eravamo d’accordo sul voler partecipare al campionato. Nonostante i rischi del Covid volevamo esserci a tutti i costi. È stato un anno anomalo, abbiamo iniziato a fine settembre e a fine ottobre ci siamo dovuti fermare. Abbiamo ricominciato a febbraio, ma ad aprile alcuni componenti della squadra sono stati contagiati, ma anche in questo caso siamo riusciti ad andare avanti. Le mie aspettative sono state realizzate in toto, volevo che il San Matteo partisse dal gruppo storico e facesse una bella figura, e questo si è avverato, con il supporto di tutti”. 

Simona Grillo

Simona Grillo dedica un successo al compianto presidente Mollica (foto Maria Chiara Scaffidi)

Quali obiettivi in vista della prossima stagione? “Il mese trascorso dalla fine del campionato mi è servito per rilassarmi un po’, ma al tempo stesso per pensare al futuro. Dopo aver vinto il campionato di serie C femminile, abbiamo già provveduto a formalizzare l’iscrizione al campionato di B. Ci iscriveremo anche alle serie giovanili e al tempo stesso stiamo provvedendo a concludere delle collaborazioni con altre società messinesi, in quanto a nostro parere per fare qualcosa di importante bisogna aprire i propri orizzonti. Inoltre, vorremmo incrementare il minibasket nella speranza che le scuole ci diano l’opportunità di praticare questo sport nelle palestre”. 

Vuoi ringraziare qualcuno? “Avrei una lista interminabile. Spero di non dimenticare nessuno. Innanzitutto la mia famiglia, che mi è stata sempre vicino, anche quando ho deciso di intraprendere questa nuova strada. Poi tutta la dirigenza: Bianca, Gianni e Gabriella che anche se dietro le quinte fanno un lavoro enorme, che alcune volte non viene visto e apprezzato come meriterebbe. Poi gli sponsor Fontalba, Nettuno Multiservizi, Permaflex, Studio di osteopatia e fisioterapia Fleres ed Aloi, Società agricola Santa Marina per il supporto che ci hanno dimostrato”. 

San Matteo Messina

La panchina del San Matteo Messina

Inevitabile un omaggio al tecnico e alla squadra: “Ovviamente Dani Baldaro, non mi scorderò mai quando lo incontrai per la prima volta e parlai della nostra società e del campionato che dovevamo affrontare e non ha esitato ad accettare il ruolo di allenatore che gli ho proposto. All’inizio era molto incerto sul modo di operare in quanto non conosceva la situazione attuale della pallacanestro femminile siciliana, ma alla fine sono sicura che si è divertito, grazie anche a Mariagrazia. Grazie al nostro insostituibile addetto stampa Alberto Scandurra, che nonostante non fosse sempre presente per concomitanti impegni lavorativi ci è stato vicino in tutti i momenti. Infine un grazie infinito va alle ragazze. Oltre a capire il momento tragico che stavo vivendo, si sono avventurate in questa nuova realtà. Avrei tanto da dire, in quanto più che compagne di squadra siamo amiche. Ognuna ha messo un mattoncino come se fossimo una vera e propria famiglia. Uso solo poche parole che dedico a loro con il cuore: vi voglio bene! Concludo dicendo che questo campionato vinto lo dedico totalmente a Pierluigi, promettendo che finché ci sarò io e sarà nelle mie possibilità il San Matteo esisterà”. 

The following two tabs change content below.