Desi Shipping Akademia, con Sant’Elia la prima vittoria in A2 dopo 23 anni

Akademia Sant'AnnaPrimo successo in A2 per l'Akademia Sant'Anna

La festa si ripete al Palazzetto Polivalente della Cittadella Sportiva Universitaria e, come sette giorni prima, anche in occasione della terza giornata di Serie A2, con l’incontro tra la Desi Shipping Akademia Messina e l’Assitec Sant’Elia, si registra una grandissima partecipazione di pubblico che spinge per tutto il match le ragazze di casa. Questa volta, però, la festa è completa: Akademia trova la rimonta sulle laziali e porta a casa una vittoria per 3-2 tanto sudata quanto importante. Tra le locali bellissima prova di Valentina Mearini, chiamata a sostituire Greta Catania (a mezzo servizio a causa di un problema alla mano) e autrice di una prestazione davvero eccellente. Per Messina top scorer Aurelia Ebatombo con 23 punti, seguita dalla Martilotti con 14 punti e della Composto con 16. Per le ospiti top scorer la Botarelli con 27 punti, seguita dalla Costagli con 16 punti.

Akademia Sant'Anna

L’Akademia Sant’Anna fa festa con il suo pubblico

Le prime battute si giocano sul filo del grande equilibrio, con entrambe le formazioni che provano a portarsi avanti ma è pronta la risposta della squadra avversaria. Sant’Elia trova un importante break di 4-0 (5-9) che costringe Breviglieri a correre ai ripari e a spendere il suo primo time out della partita, ottenendo il risultato desiderato. Le ospiti, però, riescono a trovare la determinazione necessaria per spingere ancora più sotto le padrone di casa portandosi fino al +7 (6-13). Akademia prova a rimettersi in carreggiata ma, grazie ad un’ottima difesa e ad una grintosa fase d’attacco, le laziali contengono il tentativo di rimonta delle messinesi, mantenendo un rassicurante margine di vantaggio. L’Assitec si porta avanti ancora e il coach di casa riprova la carta del time out (10-19). Il risultato non cambia: Muzi e compagne tentano di scuotersi ma lo svantaggio è ampio e le ospiti lo gestiscono con sicurezza, portando a casa il primo set con il finale di 15-25.

Akademia Sant'Anna

Il taraflex del palasport della Cittadella Universitaria

Parte bene nella seconda frazione la Desi Shipping che trova il 2-0 con la Ebatombo e il muro della Composto. Risponde subito Sant’Elia ma il margine dei due punti conquistati dalle messinesi resiste a lungo, nonostante le laziali tentino con determinazione l’aggancio. Akademia appare più in palla e trova un break impostante, concluso con l’ace di Slivia Pertens che costringe Coach Giandomenico a rifugiarsi nel time out (7-3). La strigliata è servita e le ospiti ne piazzano due di fila, prima che la Composto rimetta la palla a terra dall’altra parte del campo e porti le sue sul +3. Il muro della Martilotti dà il là ad un nuovo allungo delle messinesi, che si portando sull’11-6. Il +5 della Desi Shipping resiste e costringe il Coach ospite al nuovo time out per correre ai ripari (17-12). Messina, però, non vuole saperne di fermarsi e trova anche l’importante +6 siglato dalla Composto. Sant’Elia non vuole mollare ma questa volta è la squadra di casa a gestire il tesoretto costruito e se lo tiene stretto fino alla fine del set, allungando fino al 25-18.

Akademia Sant'Anna

Un time-out dell’Akademia Sant’Anna e sullo sfondo il pubblico

Nel terzo set Sant’Elia parte bene e trova anche il +2 (2-4). Prima la Ebatombo e poi la MartIlotti tentano di ricucire lo strappo, ma le ospiti sono abili a contenere la reazione delle peloritane e si portano anche sul +3 (4-7). Akademia non molla e viene premiata, con l’ace della numero 6 di casa che vale l’8-8, seguita dalla francese in maglia Desi Shipping che griffa il sorPasso e fa esplodere la tribuna (9-8). Coach Giandomenico vuole interrompere il buon momento delle peloritane e richiama le sue in panchina (10-8). La reazione ospite arriva e, dopo qualche tentativo, l’Assitec riesce a confezionare la rimonta e riesce anche a trovare il controsorpasso (13-14). Tutto da rifare, quindi, per la Desi Shipping e nuovo entusiasmante testa a testa. Sul -1 Breviglieri butta nella mischia Barbara Varaldo, con l’obiettivo di rendersi pericolosa al servizio. Il risultato è quello giusto e arriva il 19 pari. Le laziali non si lasciano intimorire e ne fanno 2 di fila, costringendo il coach di casa al time out (19-21). La difesa ospite resiste ma, alla fine, Akademia si riporta con tenacia sul pari (22-22). Adesso ogni punto pesa il doppio: le ospiti vanno di nuovo avanti ma la Mearini pesca il jolly e trova il pari. Si va all’extra set e le prime a portarsi avanti sono le laziali, subito riacciuffate dalle peloritane. Ancora +1 Sant’Elia e ancora pari con la Ebatombo. Sul 26-27 ancora time-out ma, questa volta, il risultato non è quello sperato e arriva il 2-1 per le laziali (26-28).

Akademia Sant'Anna

Valentina Mearini, grande protagonista, alla battuta

Parte forte l’Assitec nel quarto set ma la Desi Shpping non ci sta e, recuperando un iniziale svantaggio di due punti) trova il controsorpasso con la Composto che, scatenata, trova anche il momentaneo +2 per le sue (6-4). Il vantaggio del club caro al presidente Costantino resiste per diverso tempo, nonostante le laziali mettano pressione a Faraone e compagne nel tentativo di acciuffare il pari. Akademia spinge sull’acceleratore e trova con la Ebatombo anche il preziosissimo 13-9 che costringe il Coach ospite al time out. La Composto, però, non si ferma e piazza il +5 per le sue. La reazione di Sant’Elia non tarda ad arrivare e, con un break di 4-0 si riporta subito sotto. Questa volta tocca al coach di casa correre ai ripari e spendere il suo time out (14-13) senza, però, riuscire nell’intento sperato e con il pari acciuffato da Sant’Elia che riesce anche a trovare il sorpasso (14-15). l’Assitec riesce anche ad allungare sul +2 e costringe Breviglieri a richiamare le sue a bordo campo (16-18). Break di 3-0 delle padrone di casa e nuovo sorpasso, con il conseguente time out chiamato dal Tecnico ospite (19-18). Il pubblico spinge a gran voce la squadra di casa che, con tenacia, trova anche il prezioso +3 (22-19) con un’incontenibile Valentina Mearini, seguita a ruota da Silvia Pertens. Akademia non si vuole fermare e chiude in crescendo fino a portare a casa il suo secondo set (25-20) che vale il tie-break e che trasforma il palazzetto della Cittadella Universitaria in un’autentica bolgia.

Akademia Sant'Anna

L’Akademia Sant’Anna fa festa in mezzo al campo

Il quinto set pesa tantissimo: parte bene Sant’Elia ma Akademia risponde colpo su colpo e realizza il sorpasso (3-2). L’Assitec non ci sta e si porta nuovamente avanti, trovando anche il momentaneo +2 che porta al time out delle locali (4-6). Dopo diversi tentativi finalmente la squadra di casa trova il pari (7-7), subito ricacciata indietro dall’Assitec che si porta anche sul nuovo +2. Strappo ricucito immediatamente da Muzi e compagne che, grazie all’ace della Martilotti, trovano il nuovo controsorpasso (10-9). Messina non si ferma ed allunga sul +2, con il conseguente time out chiamato dalla panchina ospite (12-10). Akademia tiene botta e mantiene il preziosissimo vantaggio di 2, con le ospiti che, però, dopo qualche tentativo trovano il 13-13. Ambra Composto fa esplodere la tribuna con il punto del 14-13, seguito dal nuovo time out ospite che porta il risultato sperato. Di nuovo avanti Messina con la Martilotti e di nuovo pari trovato dalle ospiti. Ancora una volta avanti la Desi Shipping e, finalmente, questa volta arrivano i punti che servono a chiudere match ed incontro (17-15).

Desi Shipping Akademia Messina – Assitec Volleyball Sant’Elia 3-2
Parziali: 15-25, 25-18, 26-28, 25-20, 17-15. Durata set: 22’, 25’, 35’, 29’, 22’.
Desi Shipping Akademia Messina: Varaldo 0, Catania 0, Ciancio (L) 0, Composto 16, Martilotti 14, Mearini 13, Muzi 1, Brandi ne, Silotto ne, Pertens 8, Ebatombo 23, Faraone (L) 0. All. Breviglieri, Ass. Ferrara.
Assitec Volleyball Sant’Elia: Spinello 1, Moschettini ne, Costagli 16, Polesello ne, Hollas 6, Giorgetta 0, Di Mario 0, Ghezzi 16, Botarelli 27, Cogliandro 10, Vittorio (L) 0. All. Giandomenico, Ass. Russo.
Arbitri: Antonio Gaetano di Lamezia Terme e Walter Stancati di Rende.

Autori

+ posts