Delle Vedove: “Ferreira non ha firmato alcun contratto e sta onorando la maglia”

TeramoPedro Costa Ferreira in azione in un Teramo-Messina del 2014

Il patron del Messina Pietro Lo Monaco ha dato già per assodata la partenza della stella giallorossa Pedro Miguel Costa Ferreira, ma il suo procuratore Gianni Delle Vedove, che cura peraltro gli interessi di tanti calciatori transitati in riva allo Stretto, è decisamente meno categorico: “Non condivido affatto le dichiarazioni della proprietà dell’ACR e tengo ad evidenziare che io ed il mio assistito non abbiamo firmato alcun contratto con qualche altra squadra. Siamo in scadenza, ma Pedro sta onorando la maglia, come d’altronde aveva fatto anche l’anno scorso. Ha sempre risposto presente e non si è mai tirato indietro. Ritengo quindi che vada assolutamente sottolineata la professionalità di Pedro, che anche umanamente è attaccatissimo al Messina”.

Un primo piano di Pedro Miguel Costa Ferreira (foto Vincenzo Ranalli-Paolo Furrer)

Un primo piano di Pedro Miguel Costa Ferreira (foto Vincenzo Ranalli-Paolo Furrer)

Non sono comunque un mistero i contatti con altre formazioni: “Ci sono tanti “pour parler”, ma al momento non c’è ancora nulla di definitivo. Nelle scorse settimane ci siamo seduti ad un tavolo con il Messina per la discussione di un eventuale rinnovo e non abbiamo raggiunto alcun accordo. È ovvio che se dovesse arrivare una squadra di serie B o addirittura del massimo campionato non conterà però l’aspetto economico ma piuttosto l’opportunità che sarebbe irripetibile per un 23enne che si sta attirando grandi attenzioni grazie a prestazioni di assoluto livello. È normale farci un pensiero: la vita di un calciatore è fatta di tanti gradini e se riesci a scalarne qualcuno i tuoi sogni non possono che avverarsi”.

Con Delle Vedove, contattato telefonicamente, abbiamo fatto il punto sul futuro di altri quattro tesserati. Più che probabile la permanenza del centrocampista Stefano Maiorano, che domenica in virtù della squalifica non ha seguito i compagni a Teramo ma ha seguito dal vivo la sfida tra la sua ex squadra, la Cavese, ed il Città di Messina al “Celeste”. Il suo rientro si è rivelato determinante nel corso del girone di ritorno: “Siamo fiduciosi. Parleremo con la proprietà, che è sempre sembrata disposta a rinnovare il suo contratto”.

Per il centrocampista Stefano Maiorano, in scadenza al pari di Ferreira, non sembra in dubbio la permanenza in riva allo Stretto (scatto Gabriele Maricchiolo)

Per il centrocampista Stefano Maiorano, in scadenza al pari di Ferreira, non sembra in dubbio la permanenza in riva allo Stretto (scatto Gabriele Maricchiolo)

Non si è invece mai celebrato il matrimonio tra i peloritani ed Elio Nigro, centrocampista ex Ischia che è peraltro cugino di Maiorano: “Il Messina si è interessato a lui, ma ha scelto Rimini perché ha voluto provare per la prima volta in carriera un’esperienza al Nord Italia. Dal punto di vista personale è in ottimi rapporti con società, presidente e tifosi. La sua squadra, che era in una posizione di classifica completamente differente rispetto al Messina, è invece un po’ in difficoltà”.

Inevitabile una battuta anche sul difensore Riccardo Bolzan, che ha invece concluso anzitempo la sua esperienza siciliana, trasferendosi in un’altra isola: “A Sassari ha vissuto una seconda metà di stagione molto positiva. A Messina invece non è stato molto fortunato, sia perché la squadra nel girone di andata non ha reso secondo le aspettative sia per un infortunio che lo ha tenuto dal campo per più di due mesi. Non ha avuto il tempo di dimostrare che non è un caso il suo importante curriculum. Era alla prima esperienza in Seconda Divisione dopo avere sempre fatto la differenza nelle serie superiori. Ad ogni modo sia lui che il Messina hanno saputo cambiare marcia”.

È rimasto invece senza squadra l’attaccante Roberto Chiaria, che ha rescisso consensualmente il contratto che lo legava al club di Lo Monaco alla chiusura del mercato: “Vedremo in estate cosa ci offrirà la nuova C unica. Resto ottimista perché pochi attaccanti centrali possono vantare le sue caratteristiche, un fattore che non va sottovalutato”.

Autori

+ posts

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma