Il CUS Unime passa a Cosenza e rinsalda la seconda posizione

Balaz (Cus Unime) a segno su rigore

Il CUS Unime supera a domicilio lo scoglio Cosenza Nuoto e fa suo il tredicesimo turno del torneo di serie B. Alla Piscina Comunale di Cosenza gli universitari si rendono protagonisti di una gara più concreta che spettacolare che vale il 10-4 finale in favore dei messinesi. Dura solamente un tempo la resistenza dei padroni di casa; dopo il 3-3 della prima sirena i peloritani, infatti, prendono il largo e lasciano ai cosentini solamente un’altra sola marcatura nell’ultimo quarto, segno dell’ottimo lavoro della difesa (con Mariani schierato tra i pali protagonista di una bella prova). In avanti si conferma ancora una volta top scorer Balaz (5 reti a fine partita). Si aprono le ostilità ed i messinesi, alla prima occasione, si portano avanti con la rete di Namar. Il Cosenza reagisce subito e prima pareggia con cavalcanti poi si porta anche in vantaggio con Cerchiara.

Vantaggio casalingo che dura poco meno di un minuto: Aiello, infatti, pareggia e poco dopo Balaz riporta avanti i suoi. C’è tempo per un’altra emozione prima della sirena, con Ponte che riporta il risultato in equilibrio. Sarà l’ultima occasione per i cosentini di rimanere in partita. Dalla seconda frazione in poi, infatti, il CUS Unime offre una dimostrazione di grande solidità difensiva non concedendo praticamente niente agli avversari mentre in avanti, poco alla volta, costruisce il solco per affossare definitivamente i padroni di casa. Ancora una volta ci pensa Balaz ad aprire le marcature ad inizio di ripresa, seguito a metà frazione di gioco da Aiello e, praticamente sulla sirena prima dell’intervallo lungo, dalla rete di De Francesco (3-6 al cambio vasca).

E la musica non cambia neanche nel terzo periodo di gioco: anche se il gol stenta ad arrivare, i ragazzi allenati da Mister Naccari si affacciano con costante pericolosità in avanti, mancando sempre di un soffio la rete per allungare il vantaggio. Bisogna, cosi, aspettare fino a 1.31 dalla terza sirena per vedere il gol di Balaz, che si ripete ancora a 6 secondi dalla fine, per portare il parziale sul rotondo 8-3 per gli ospiti. Cosenza si risveglia dal torpore solamente a metà dell’ultima frazione, quando Cavalcanti interrompe il digiuno in fase offensiva dei suoi e segna il quarto gol dei padroni di casa. Poca roba, però, per impensierire gli ospiti che allungano ulteriormente prima con Balaz e poi con Alessandro Naccari, per le reti che valgono il 10-4 finale.

Sergio Naccari

Sergio Naccari durante un time out

“Non abbiamo giocato una partita spettacolare ma alla fine portiamo a casa dei punti importanti – commenta a fine incontro il tecnico cussino – siamo arrivati all’incontro un po’ appesantiti sia per le vacanze sia per i nuovi carichi di lavoro, ma il risultato finale dimostra la diversità di valori tra le due compagini. Adesso, in virtù anche degli altri risultati, rimaniamo concentratissimi per giocare al meglio le partite che rimangono e raggiungere anzitempo la qualificazione matematica ai playoff”. In cima alla classifica continua a vincere la Waterpolo Catania che supera con un rotondo 16-5 l’Etna Waterpolo e si mantiene da sola al comando 3 punti sopra rispetto al CUS. Sono 9, invece, le lunghezze che separano i cussini dalla terza – proprio l’Etna Waterpolo. Massima concentrazione, dunque, sin da subito, a partire dall’atteso derby con l’Ossidiana di sabato prossimo alla cittadella sportiva universitaria.

Cosenza Nuoto – CUS Unime: 4-10
Parziali: 3-3, 0-3, 0-2, 1-2
Cosenza Nuoto: Martire, Greco, Cerchiara 1, Chiappetta, Stellato, Ponte 1, Cavalcanti 2, Mascaro, Fasanella, Manna, Palermo, Morrone.
CUS Unime: Mariani, Vinci, De Francesco 1, Arcovito, Blandino, Lanfranchi, Aiello 2, Namar 1, Naccari F., Naccari A. 1, Balaz 5, Cama, La Tona.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti