Correnti: “Il gol non è un assillo, conta l’impegno. Il “Papu” è il mio idolo”

Riccardo CorrentiRiccardo Correnti cerca la prima rete in giallorosso (foto Il Cigno Art)

Tra le piacevoli rivelazioni della stagione del Fc Messina c’è anche l’esterno Mario Riccardo Correnti, che compirà 19 anni il prossimo 24 febbraio. L’ala palermitana ha collezionato già sedici presenze tra campionato e Coppa, partendo sempre titolare con l’eccezione dell’esordio di Palmi: “Sono contento di poter dare il mio contributo alla squadra. Cerco di fare il massimo e ascoltare i consigli del mister. Ci stiamo allenando bene, per preparare una partita importantissima”.

Domenica al “Franco Scoglio” sarà di scena la Palmese, fanalino di coda del torneo, che ha già bloccato sul pari il Palermo e il Giugliano, prima e terza forza del campionato: “Anche se la classifica non li premia siamo consapevoli che tutte le partite nascondono insidie. Serve la mentalità giusta, al di là della loro classifica. Hanno qualità, nessun avversario va sottovalutato”.

Correnti, Carbonaro e Bevis (foto Il Cigno Art)

Correnti, Carbonaro e Bevis celebrano una rete (foto Il Cigno Art)

Il Fc vede i playoff e il quinto posto occupato dal Troina distante appena una lunghezza. A pesare le opportunità sprecate nel girone di andata: “Abbiamo lasciato per strada troppi punti. L’importante è pensare al presente e portare a casa più risultati possibili nel ritorno per raggiungere un piazzamento di spessore”.

Diventato un tassello inamovibile nello scacchiere di Costantino prima e Gabriele poi, Correnti ha saltato le uniche partite per un infortunio alla mano e una squalifica, frutto delle ben sette ammonizioni rimediate fin qui: “Devo migliorare, spesso sono troppo irruento. Anche se è un campionato duro, devo cercare di limitarmi, per non rimediare altri cartellini gialli evitabili”.

Correnti

Correnti sempre titolare nelle ultime 15 gare disputate (foto Familiari)

In settimana Correnti ha ricevuto un video dal suo idolo, il “Papu” Gomez: “Avevo chiesto tante volte a Facundo Coria, suo ex compagno di squadra, di regalarmelo. Per me lui è un idolo in campo e fuori, mi ha reso felice”. Anche la stella dell’Atalanta ha invocato un gol del giovane palermitano: “Segnare è sempre bello, è emozionante, ma viene comunque in secondo piano. Conta l’impegno che si mette sul campo”.

Peraltro su 29 reti fin qui realizzate in campionato soltanto una, quella di Pini sul campo del San Tommaso, è stata firmata da uno juniores: “Sicuramente se avessimo segnato di più non sarebbe stato male, ma il gol non deve essere un assillo. Aiutiamo la squadra e siamo pur sempre il terzo attacco più prolifico del girone”. Soltanto Acireale e Palermo infatti hanno segnato di più.

Correnti

Correnti è uno dei tre palermitani in rosa

Proprio con i rosanero, la squadra della sua città, Correnti è cresciuto negli anni: “Ho svolto tutta la trafila dagli Esordenti alla “Primavera“. Quest’estate c’è stato il fallimento che ci ha penalizzato. Ma ho ricevuto l’offerta di una grande squadra e ho sposato questo progetto. Sono stato contentissimo di sbarcare a Messina”.

In giallorosso peraltro l’opportunità di crescere, grazie ad over di indubbie qualità nel suo reparto: “Coria, Carbonaro e Dambros sono giocatori fortissimi per la categoria, da ammirare. Se voglio ottenere il massimo in futuro devo prendere esempio da loro”.

Correnti e Quitadamo

Correnti e Quitadamo (foto Giovanni Chillemi)

Contro la Palmese sarà a disposizione anche il francese Marvin Geran, che ha ottenuto a tempo di record il passport player dalla Francia, dopo l’invio dei documenti richiesti dall’Ufficio Tesseramenti della Figc. “I nuovi acquisti ci daranno una grande mano. Sono tutti buoni calciatori e bravi ragazzi anche fuori dal campo”. Non ci sarà ovviamente il lungodegente Aladje: “Purtroppo nel calcio può capitare un infortunio simile, anche se non lo si augura a nessuno. Si sta curando e lo aspettiamo a braccia aperte, anche se ci vorrà tempo”. 

The following two tabs change content below.
Francesco Straface

Francesco Straface

Ideatore di MessinaSportiva nel 2005, per tredici anni - dal 2002 al 2014 - ha lavorato nelle emittenti private TeleVip e Tremedia. Vanta alcune esperienze nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria"). Dal 2016 è tutor presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva