Cambria illude il Torregrotta, ma la Spadaforese passa con la doppietta di Buscema

Una fase del match tra Torregrotta e Spadaforese

Un Torregrotta incerottato e a corto di idee, sicuramente il peggiore di questo scorcio iniziale di stagione al di là delle assenze di rilievo nelle file rossoblù (out Irrera e Aricò, con La Spada e Bonaffini a mezzo servizio), cade tra le mura amiche, finendo col cedere il derby ad una Forza Calcio Spadaforese che passa al “Comunale” davanti a pochi intimi (la partita si è disputata “a porte chiuse”), grazie ad una doppietta di Buscema, autentico “match-winner” della giornata, che andando a bersaglio al 33′ ed al 62′, ha cambiato la storia di un match che dopo l’iniziale vantaggio rossoblù siglato da Cambrìa al 17′ sembrava essersi messo sui giusti binari per la compagine di Peppe Borelli.

Una fase del precedente match tra Torregrotta e Real Aci

Una fase del precedente match tra Torregrotta e Real Aci

In effetti, il pomeriggio sul sintetico di Viale Europa, era iniziato con l’undici di casa, sceso in campo con il giusto approccio alla gara. Si spiegano così, la punizione al 4′ con la quale Saporita dai 30 metri, impegnava severamente Fazio in una respinta a pugni uniti e le tambureggianti offensive torresi, guidate da un Saporita spesso troppo isolato nel reparto offensivo, in una delle quali, al 17′ su ripartenza vibratamente contestata dagli ospiti, il funambolo in maglia rossoblù si produceva in un assolo sulla sinistra che, giunto sulla linea di fondo in prossimità dell´area piccola, si concludeva con il più facile degli assist per Cambrìa appostato sottoporta per il “tap-in” dell’1-0.

Gli ospiti incassano il colpo senza disunirsi, cominciando ad avanzare in maniera sempre più decisa il baricentro della propria manovra e iniziando ad insidiare Bucca che al 20′ viene chiamato in causa da Buda. Nella circostanza l´estremo difensore torrese, sventa la minaccia, ma è questione di poco perché il manipolo di Carmelo Mancuso, guidato in campo da un Platania in vena, trova il pareggio al 33′ quando su un pallone indirizzato nel cuore dell´area di rigore rossoblù, lo svarione della retroguardia mette Buscema posizionato a pochi passi da Bucca, in condizione di battere rasoterra ed insaccare il gol del pari.

L'esultanza per una rete nella gara fra Troina e Torregrotta

L’esultanza per una rete nella gara fra Troina e Torregrotta

Realizzato il pari, gli ospiti intravedono il bersaglio grosso e vanno vicinissimi al raddoppio già al 38′ con la punizione calciata da Buda dalla destra. La sfera si stampa sulla traversa e sul ritorno in campo, Sofìa, a pochi passi dalla porta sguarnita, manca di testa il colpo vincente, alzando incredibilmente la mira. Chiuso il parziale sul risultato di parità sono ancora gli ospiti a farsi pericolosi dalle parti di Bucca con Angrisani che al 48′ colpisce la base del palo alla sinistra del portiere.

L’unico vero sussulto rossoblù della ripresa arriva al 54′ sempre da un’iniziativa di Saporita che dopo una percussione sulla sinistra, entra in area dal lato corto e al termine di una concitata serie di tackle vincenti, conclude in acrobazia da posizione quasi impossibile alto di poco. Due minuti più tardi, tornano a farsi vedere gli ospiti con Buscema che lanciato in profondità, costringe Bucca ad un´efficace uscita dai pali.

Il gol partita tuttavia è rinviato di soli 6′ perché lo stesso n. 11, riceve palla ed entrato in area rossoblù da posizione angolata, trafigge Bucca in diagonale. Borelli prova a suonare la carica ai suoi e mette in campo Di Salvo e La Spada per conferire maggior peso alla manovra offensiva, ma risulta tutto vano. Ci prova Saporita che all’86’ viene vistosamente strattonato in area da un avversario.

Una vista d'insieme del "Comunale" di Torregrotta

Una vista d’insieme del “Comunale” di Torregrotta

Il signor Battiato però non ravvisa gli estremi della massima punizione e nonostante il generoso serrate finale nel recupero, nel corso del quale un nervoso Bonaffini che al 4′ della ripresa aveva rilevato Bertino viene espulso per entrata fallosa a centrocampo, il derby prende la strada di Spadafora, con il triplice fischio del direttore di gara che sancisce la seconda sconfitta in campionato del Torregrotta che comincia a vedere sempre più da vicino la “zona rossa”.

TORREGROTTA – FORZA CALCIO SPADAFORESE 1-2
TORREGROTTA: Bucca, Ruggeri, A.Cucè, G.Cucè, Merlino, Impalà, Cambrìa, Cacciotto (77´ Di Salvo), Bertino (49´ Bonaffini), Sciliberto (71´ La Spada), Saporita. A disp.: Vinci, Borelli, T.Romeo, Bombaci. All.: G.Borelli
F.C.SPADAFORESE: Fazio, Broccio, Alibrandi (50´ Arena), Manzella, Sofia, Angrisani, Florio, Molonia, Platania, Buda (88´ Arigò), Buscema. A disp.: Ciolino, Di Bella, Scipilliti, Donato, Affè. All.: C.Mancuso.
ARBITRO: S.Battiato di Acireale (Spadaro e Minutoli di Messina)
RETI: 17´ Cambrìa (T), 33´ e 62´ Buscema (S)
Note – ANGOLI: 7-3 per il Torregrotta (p.t.2-1). AMMONITI: 25´ Bertino (T), 39´ Buda (S), 44´ Saporita (T), 47´ Ruggeri (T), 59´ Angrisani (S), 70´ Impalà (T), 83´ G.Cucè (T). ESPULSO: Bonaffini (T) al 94´. RECUPERO: 1´ + 4´. OFF-SIDES: 2-1 per la F.C.Spadaforese.

Commenta su Facebook

commenti