Biagio Scibilia eroico nella traversata Vulcano-San Giorgio di Gioiosa Marea

Si è conclusa con successo, la traversata Vulcano – San Giorgio di Gioiosa Marea effettuata in 12h 48’ 47’’ dal trentaquattrenne Biagio Scibilia. Il podista ed atleta di triathlon ha nuotato in mare aperto percorrendo 27,65 km si è reso autore di una memorabile impresa. Infatti già dalla da Vulcano, il primo problema sono state le meduse urticanti, che subito gli hanno causato arrossamenti ai piedi e alle mani, punti non protetti dalla muta, procurandogli parecchi fastidi.

Traversata biagio scibiliaBiagio ha iniziato a nuotare con molta determinazione, nonostante le meduse che lo hanno accompagnato per circa 1.5 km. Per i primi chilometri il mare è stato clemente e l’acqua si è mantenuta circa 25°. Subito dopo si sono avvicinati nuvoloni carichi di pioggia e finita la pioggia il mare si è agitato, dovuto a una corrente e un vento proveniente da Nord-Est, causando lunghi cavalloni di circa 1 m. Al 14° km stava andando anche ben oltre le previsioni, avendo anche mezzo miglio di vantaggio, ma un dolore alla spalla sinistra ha complicato i piani di Scibilia, perché il male alla spalla lo ha accompagnato fino a fine traversata, aumentando di intensità.

Giunto a 4 miglia dalla costa siciliana, quando sembrava ormai fatta, ai problemi fisici, si è aggiunta la corrente trasversale che ha raggiunto anche una velocità di 2 nodi. Proprio qui è iniziata la parte più complicata della traversata. Biagio ha nuotato circa 3 ore contro corrente per restare sempre nello stesso punto, fino a quando lo staff tecnico ha deciso di farlo trasportare dalla corrente per avvicinarsi il più possibile alla costa in modo tale da avere una corrente minore.

Così facendo è arrivato di fronte a Villa Ridente, circa 1 miglio dalla zona di arrivo.

Quest’ultima parte del tragitto è stato il momento più difficile: Sibilia ha dovuto combattere con la corrente marina, già stremato dopo oltre 11 ore di nuoto e fortemente dolorante alla spalla e al piede. Solo grazie alla sua tenacia è riuscito ad arrivare al punto di arrivo del Lido Yachting Club Beach a San Giorgio, chiudendo la traversata con 6 km in più del previsto in 12 ore 48 minuti, accolto dal calore del pubblico che si era ammassato lungo tutta la costa da Villa Ridente fino al Lido.

Commenta su Facebook

commenti