Betaland: in attesa del pivot arrivano Alibegovic e Laganà. In piedi trattative con club di A2

BetalandMatteo Laganà

Si attende solo il comunicato ufficiale da parte del quartier generale paladino sul prossimo arrivo in Sicilia di Mirza Alibegovic, trattativa ormai definita da alcuni giorni. La guardia italiana nativa di Corvallis dopo aver lasciato la Fiat Torino è praticamente un nuovo giocatore della Betaland Capo D’Orlando e col suo talento aumenterà la pericolosità della squadra paladina , uscendo dalla panchina. La scorsa stagione ha viaggiato a 7.8 punti di media dimostrandosi un buon tiratore dell’arco dei 6,75 con il 31.7% di media.

Non arriverà nell’Isola invece il giovane Andrea Mezzanotte, poiché è saltato l’accordo con la Blu Basket Treviglio per la cessione definitiva del giocatore che avrebbe ricoperto il ruolo di quarto lungo nel nuovo roster guidato da coach Di Carlo. L’Orlandina credeva molto nel talento italiano, da poco tornato dal mondiale Under 19 in cui ha raggiunto la finale viaggiando a 5.1 punti di media, a tal punto da proporgli un contratto quadriennale ma di fronte al diniego del club lombardo ha deciso di dare fiducia come quarto lungo al triestino classe 1999 Donda, già visto nell’ultimo finale di stagione.

Betaland

Andrew Chrabascz

Nel frattempo in entrata si è concluso positivamente anche l’accordo con Matteo Laganà che ha rifiutato la proposta della Pallacanestro Varese (e quella di un doppio tesseramento in serie B con la Robur et Fides) ed ha invece accettato quella dell’Orlandina Basket, come riportato dal giornale La Prealpina.

Laganà, uno dei classe 2000 più appetiti in Italia, firmerà per quattro anni con la Betaland Capo d’Orlando e giocherà sia con la prima squadra che con la Nuova Agatirno in Serie C Silver.

Con questa scelta Laganà si avvicina anche a casa dopo l’esperienza vissuta a Milano tra Olimpia ed Urania, essendo la sua famiglia calabrese di Melito Porto Salvo. Si va quindi a ripercorrere una romantica storia cestistica considerando che, il padre Lucio Laganà giocò in canotta paladina nella stagione 1997-98.

Capitolo pivot. Il giovane Chrabascz è un obiettivo dell’Orlandina ma probabilmente non nell’immediato. Ala forte bianca e potente che attualmente è impegnato con la nazionale dell’Armenia nelle pre qualificazioni ai Mondiali 2019. Mercoledì sera è risultato fra i protagonisti del successo armeno (75-61) contro la Slovacchia: per Chrabascz 11 punti e 4 rimbalzi in 30’, domani sera (ore 20) altra gara contro la Svezia.

Reggio Emilia

Arturs Strautins è seguito da Ferrara

Su di lui pressing di Brindisi e soprattutto di Ferrara e Viola Reggio Calabria. Proprio il club siciliano sta studiando una possibile trattativa coi due club, infatti i paladini avrebbero pronto per Chrabascz un contratto pluriennale, poi sarebbero pronti a girarlo in prestito proprio al Kleb Ferrara (ma non si esclude la pista che lo porterebbe alla Viola di coach Calvani) con l’obiettivo di garantire parecchi minuti al giocatore.

A Ferrara, Chrabascz sarebbe l’ala forte titolare, con minuti e importanti responsabilità, il tutto per la gioia dell’Orlandina, che vedrebbe crescere di fatto un proprio giocatore, magari pronto ad abbracciarlo fra un anno.

Altro intreccio tra Ferrara e Capo d’Orlando potrebbe riguardare Arturs Strautins (firmato con un contratto biennale). Il lettone giocherà sicuramente in maglia biancoazzurra i preliminari di Champions League fissati per il 2 ottobre. Dopo, però, alla luce del recupero di Vojislav Stojanovic potrebbe anche approdare alla corte del coach Alberto Martelossi, così Ferrara sistemerebbe il tassello under della squadra, ma ogni discorso è tuttora in evoluzione.

The following two tabs change content below.