Berardi l’erede di Lagomarsini. Il ds del Grosseto conferma l’offerta del Messina

Un primo piano del portiere Alessandro Berardi

Potrebbe essere il giovane Alessandro Berardi, romano, classe 1991, il successore di Ettore Lagomarsini. Il direttore sportivo Danilo Pagni non ha nascosto che il portiere cresciuto nel Genoa è ufficialmente sul mercato e ha già individuato il suo potenziale sostituto. La conferma arriva direttamente dal ds del Grosseto Vincenzo Minguzzi, che abbiamo contattato telefonicamente: “Vi confermo che il Messina ha chiesto informazioni sul nostro portiere, il cui cartellino è di proprietà della Lazio. So che i dirigenti siciliani hanno contattato direttamente il club biancoceleste, per manifestare il loro interesse. Qui in Toscana Berardi è chiuso da Mangiapelo (già 15 presenze all’attivo, ndc) e non a caso ha disputato soltanto tre partite nel corso del girone di andata. Ha chiesto quindi più spazio. Siamo pronti a rinunciare agli altri sei mesi di prestito, a quel punto la Lazio potrà girarlo al Messina”.

Alessandro Berardi ha esordito in B con la maglia dell'Hellas Verona

Alessandro Berardi ha esordito in B con la maglia dell’Hellas Verona

Nelle ultime ore nella trattativa si sarebbe però inserito anche il Mantova, che sta provando ad evitare i play-out nel girone A della C unica. L’operazione ricalca quindi quella che ha già portato nella città dello Stretto il centrocampista Amato Ciciretti, altro under, classe 1993, di proprietà della Roma ma in prestito per sei mesi alla Pistoiese. Ufficializzato l’arrivo dell’ex mediano de L’Aquila i peloritani sembrano quindi pronti ad assicurarsi anche il nuovo vice di Rino Iuliano, che si è meritato a suon di prestazioni i galloni di estremo difensore titolare.

Berardi, già capitano della “Primavera” laziale, cerca la grande chance per dare una svolta alla sua carriera, condizionata anche da alcuni infortuni. Prima di accasarsi al Grosseto aveva collezionato sei presenze in Prima Divisione con la Salernitana, altro club vicino a Lotito. Dopo la trafila nelle giovanili biancocelesti anche l’esordio in B a Verona. Compirà 24 anni il prossimo 16 gennaio e nelle intenzioni di Pagni dovrebbe rappresentare una valida alternativa a Iuliano, nel caso in cui Grassadonia volesse garantirsi un uomo di movimento in più, schierando invece un under tra i pali.

Un primo piano di Ettore Lagomarsini, in predicato di lasciare il Messina dopo due stagioni e mezzo in riva allo Stretto

Un primo piano di Ettore Lagomarsini, in predicato di lasciare il Messina dopo due stagioni e mezzo in riva allo Stretto

Lagomarsini e Nigro restano due obiettivi dell’Aversa Normanna, che in cambio in queste ore ha riproposto al Messina il cartellino dell’esperto Roberto Cardinale. Il 33enne è originario di Pollena Trocchia, centro napoletano noto per avere dato i natali anche a Carmine Coppola. Prelevato in estate dal Melfi, con cui aveva collezionato 30 presenze, siglando anche tre reti nell’ultima Seconda Divisione, non rientra nei piani della società, anche perché era legato a Novelli, rimpiazzato in panchina da Sasà Marra. I granata hanno peraltro appena formalizzato l’ingaggio di Ciro Amelio, un altro esterno sinistro, in passato affiancato anche al Messina, e sono quindi intenzionati a sfoltire il reparto.

Se le alternative rappresentate da Bocchetti della Paganese e Squillace del Catanzaro dovessero rivelarsi impercorribili, Pagni e Grassadonia potrebbero quindi orientarsi su Cardinale. Vastissimo il suo curriculum, impreziosito dall’esordio in A con il Perugia. Per lui anche cinque stagioni tra i cadetti con la Salernitana e la C1 a La Spezia, Martina Franca, Potenza, Gela ed Avellino. È ovvio che il tesseramento di un 33enne complicherebbe un po’ i piani legati all’età media, anche se dopo la cessione di Bjelanovic i giallorossi hanno un solo “fuori quota”, l’eterno Giorgio Corona, che compirà 41 anni a maggio.

Commenta su Facebook

commenti