Benevento-Messina è anche la gara degli ex. Di Costanzo: “Cerchiamo continuità”

Nello Di Costanzo all'arrivo al San Filippo

Quelle tra Benevento e Messina non sono mai state sfide banali. Dalla finale playoff vinta nel 1999 in maniera rocambolesca dai sanniti a Lecce, al successo giallorosso targato Schillaci nel 1986 che di fatto spalancò le porte delle B, fino ad arrivare all’affermazione di misura colta nel 2001 grazie a Godeas proprio nei minuti finali. A dare ulteriore pepe al prossimo match del “Vigorito” i vari ex su ambo i fronti. In primis Gaetano D’Agostino che aveva saltato l’appuntamento dell’andata per i tempi tecnici legati al tesseramento dopo l’addio all’Andria. Il centrocampista scuola Roma ha giocato una stagione e mezza a Messina (42 presenze e 5 reti), dal 2005 al 2006, pilastro della formazione di Mutti che centrò uno storico settimo posto in A.

Gaetano D'Agostino

Gaetano D’Agostino con la maglia del Benevento

In campo per i peloritani ci sarà invece Elio Nigro, a Benevento nel 2006-07, in C2, alla sua prima esperienza in carriera tra i professionisti. Marcos Ariel De Paula ha inoltre messo insieme con la maglia degli “stregoni” 12 presenze e tre gol nel 2005. Ex è anche Fabrizio Ferrigno, da calciatore nel 1994-95 tra i sanniti, con 22 “gettoni” e tre reti. Giovanni Ignoffo, uno degli uomini simbolo della recente doppia promozione del Messina dalla D alla Lega Pro unica, allena con ottimi risultati i “Giovanissimi Nazionali” del Benevento ed è stato in lizza in questi giorni per la conduzione della prima squadra, affidata a Cinelli e Landaida alla luce dell’esonero di Brini.

Aversa-Messina

Elio Nigro, centrocampista del Messina

In panchina per i giallorossi, infine, Nello Di Costanzo, dal 2002 al 2004 alla guida della squadra campana, con un ottavo posto in C1 al primo campionato, prima di essere esonerato nella stagione seguente. Il tecnico confida nella possibilità di ottenere il sesto risultato utile consecutivo anche al cospetto della vice-capolista: “Mi piacerebbe dare continuità nella partita di sabato – ha dichiarato al sito ufficiale – Dovremo essere compatti ed organizzati con la consapevolezza che ottenere un risultato positivo aumenterebbe in modo significativo la nostra autostima”.

L'ex difensore del Messina Giovanni Ignoffo, oggi allenatore dei "Giovanissimi Nazionali" del Benevento

L’ex difensore del Messina Giovanni Ignoffo, oggi allenatore dei “Giovanissimi Nazionali” del Benevento

L’allenatore giallorosso ha commentato anche l’esonero di Brini: “Siamo pronti ad affrontare il Benevento che resta una delle squadre più forti di tutta la Lega Pro e non solo del nostro girone. Hanno avuto solo dei problemi di risultato ma le prestazioni ci sono sempre state ed il cambio tecnico non varierà molto per noi. Ora è più che mai relativo chi andiamo ad affrontare perché in ogni caso dobbiamo continuare ad acquisire la nostra fisionomia”.

Di Costanzo si è espresso infine sull’incertezza che riguarda il Savoia e le formazioni penalizzate, come la Reggina: “La riforma non ha influito sull’attuale situazione che è figlia di quanto di assurdo succede in Lega Pro dove qualsiasi squadra con evidenti difficoltà economiche può liberamente fare il mercato a gennaio a discapito di chi rispetta il budget e soprattutto onora gli impegni con i propri tesserati come il Messina”.

Commenta su Facebook

commenti