Argurio: “Orgoglioso della rosa attuale. Sabato partiamo da favoriti”

Il ds Argurio ai microfoni di Otto ChannelIl ds Argurio

Radio-mercato è tornata ad affiancare al Messina il nome del croato Ante Vukusic, 24enne attaccante croato che era stato ad un passo dai giallorossi già nel corso del mercato estivo (clicca qui per rileggere l’intervista al ds del Pescara Giuseppe Pavone dello scorso 18 settembre). Sull’argomento è però categorico il direttore sportivo giallorosso Christian Argurio: “Smentisco assolutamente questa possibilità, anche perché sono contentissimo dei miei attaccanti. Non stiamo pensando ad alcun intervento e la squadra d’altronde, come dimostra la classifica, non ha bisogno di particolari correttivi. Magari vi sarà soltanto qualche integrazione nel corso della sessione invernale, ma adesso è troppo presto per pensarci”.

Vukusic

Il croato Vukusic in azione con la maglia del Pescara, da cui si è appena svincolato FOTO ADAMO DI LORETO

L’ex punta di Losanna e Waasland – Beveren ha appena rescisso il suo contratto con il Pescara e gli operatori sono evidentemente tornati ad affiancare il suo nome a quello dell’ACR: “È un discorso vecchio, non ci sono sviluppi né trattative aperte dopo il sondaggio dei mesi scorsi. E credo che anche il ragazzo abbia voglia di sondare il mercato estero più che quello italiano, anche se non conosco nel dettaglio i suoi obiettivi. L’addio agli abruzzesi è stato evidentemente ricollegato a me, che ho lavorato molto sul mercato croato e lo conosco dai tempi dell’Hajduk Spalato”.

La società ha già garantito la sua disponibilità ad intervenire dopo il grande avvio di stagione, valso fin qui un inatteso secondo posto, ad un punto dal primato: “Non credo che lo faremo già a dicembre, anche perché in quella finestra potremmo pescare soltanto uno svincolato ed in questo momento non mi sembra necessario. Al mercato invernale, ripeto, ci penseremo a tempo debito. Il vice-presidente Gugliotta ovviamente ci ha assicurato che se la classifica resterà esaltante loro non si tireranno indietro”.

Argurio e Tavares con la biancoscudata

Argurio e Tavares con la biancoscudata griffata a scopo benefico

Ma la priorità è rappresentata adesso dalla sfida con la Lupa Castelli Romani, maltrattata dal Foggia e sconfitta già quattro volte in sette giornate: “Sabato sarà una partita difficilissima, l’attenzione deve restare alta anche perché il torneo è caratterizzato da un grande equilibrio. Per la prima volta arriviamo da favoriti ad una partita ed è un grande pericolo anche perché iniziano a conoscerci. Voglio rivedere l’unione di gruppo, la voglia e la fame che hanno caratterizzato le prime sette giornate. Più sei vicino alle zone a rischio più è alta la probabilità che si ripeta una stagione pessima come quella dell’anno scorso, se invece voli alto crescono morale ed autostima”.

Argurio tiene a ribadire la fiducia in tutti gli innesti estivi, anche quelli meno impiegati, soprattutto in un momento in cui si è tornato a parlare di mercato in entrata: “Noi siamo sempre vigili, studiamo il contesto che ci circonda ma siamo anche orgogliosi dei nostri 24 ragazzi, perché con il terzo portiere Di Stasio siamo già 24 (tanti quanti gli atleti tesserabili secondo i nuovi regolamenti, ndc). Tutti quelli che sono scesi in campo hanno dato il massimo ma non si possono fare distinzioni con chi è stato meno in campo”.

Un primo piano di Arturo Di Napoli, tra le piacevoli rivelazioni del rinnovato Messina

Un primo piano di Arturo Di Napoli, tra le piacevoli rivelazioni del rinnovato Messina

A stupire anche Arturo Di Napoli, che pure si presentava in riva allo Stretto con un curriculum da allenatore striminzito e macchiato da qualche esperienza poco felice: “Il mister sta facendo un super lavoro e li sta gestendo alla grande, soprattutto se pensiamo al ritardo di preparazione, con atleti che erano fermi da mesi. Considerate le loro qualità possono anche dare di più, a patto che non cambino l’anima ed il cuore di questo eccellente gruppo. Abbiamo avuto troppe partite ravvicinate e quindi c’è qualche acciacco con cui fare i conti, temiamo qualche assenza”. Il riferimento è a Padulano, Tavares e Gustavo, che potrebbero saltare la sfida con i capitolini di Rieti.

Commenta su Facebook

commenti