Alma, Scarcella: “Vogliamo giocarcela fino alla fine. Miglioreremo la squadra”

Alma PattiRebecca Francia in marcatura sotto canestro (foto Valeria Orlando)

Il presidente dell’Alma Patti Attilio Scarcella celebra il secondo posto: “La squadra gioca bene e questa è la cosa che conta di più. Ha una precisa identità e di questo siamo soddisfatti. Patti sta rispondendo anche perché il livello offerto qualitativamente piace al pubblico presente. I risultati ci fanno sperare di raggiungere i primissimi posti e a fine campionato vorremmo centrare il nostro sogno”. 

Attilio Scarcella

Il presidente dell’Alma Patti Attilio Scarcella

La partita contro Battipaglia ha mostrato la caparbietà della squadra e le qualità delle under scelte in estate: “In difesa abbiamo letto molto bene la partita, abbiamo impostato il gioco con grande convinzione grazie a buone letture da parte dello staff tecnico. Oggi rientravano due giocatrici importanti assenti da tempo per infortunio. Inoltre abbiamo quattro giovanissime di supporto alla squadra che, quando vengono chiamate in causa, danno sicurezza alle compagne avendo ormai acquisito esperienza. Rispondono bene e sono per noi fondamentali”. 

Coesione e armonia di gruppo, su queste basi Patti cercherà di proseguire la propria marcia nelle alte sfere di classifica: “L’Alma gioca unita, le ragazze si trovano ad occhi chiusi, questo conta per il bel gioco e per i risultati. I frutti che stiamo raccogliendo li dobbiamo ad un’ottima alchimia in campo ma dobbiamo procedere gara per gara, restare professionali e puntare ad un match alla volta. Serve attenzione e dare il massimo rispetto all’avversario”. 

Alma Patti

L’Alma Patti schierata prima del via

Sul mercato la volontà è quella di provare a impreziosire la rosa ma non è facile individuare il profilo giusto: “Siamo vigili ma non è semplice trovare quei profili congeniali e per noi importanti perché non ci sono molte giocatrici a disposizione. Dobbiamo anche rispettare il budget di spese da sostenere anche se la nostra volontà è quella di migliorare ulteriormente la squadra”. 

L’importanza di poter disputare un campionato nazionale è dato dal fatto anche di potersi confrontare con realtà di valore: “Per il pubblico questo è uno spettacolo, la serie A2 piace perché consente di confrontarsi contro città importanti come Roma o Firenze. La squadra è della città e dell’intero comprensorio tirrenico. Vedere le persone avvicinarsi è molto bello, loro sono il nostro sesto uomo che si fa sentire”. 

Autori

+ posts