Alcamo “fugge” nel secondo quarto e si aggiudica la trasferta col Birrificio Messina

Birrificio Messina

Come nelle previsioni non è stata una passeggiata ma nemmeno un’impresa titanica. La Lipari Consulting Alcamo passa anche sul parquet del Birrificio Messina, terza forza del campionato di serie D, e prende il largo alla fine del secondo periodo quando riesce a trovare le contromisure al gioco perimetrale dei peloritani.

Sesto successo su sei gare disputate, quindi, ma apprensione per un nuovo problema a Daniele Ferrara, allo stesso ginocchio che aveva subito l’intervento chirurgico. Si attendono gli esiti degli esami strumentali. Il match del “PalaTracuzzi” ha registrato molto equilibrio soprattutto nel primo periodo poi, pian pianino, la Lipari Consulting ha cominciato ad allungare e alla fine del secondo “mini-tempo” Alcamo era già a + 12.

Un po’ di nervosismo per la capolista a causa di un metro arbitrale poco “amico”. Al termine della gara tre falli tecnici agli atleti alcamesi e uno alla panchina. Il successo finale per 87–68 ribadisce la qualità e la profondità del roster a disposizione di coach Ferrara. Ancora una volta si è palesata la continuità di Vincenzo Provenzano, top scorer della gara con 18 punti. Costante la crescita di Giusti e di Andrè. Sempre “presente” Ranalli.

Amatori Birrificio Messina

Amatori Birrificio Messina

In casa Birrificio Messina a corrente alternata lo “spauracchio” Centorrino mentre hanno trovato la via del canestro, con una certa continuità, Maggio, Mondello e Di Dio (38 punti in tre). Per quest’ultimo, classe 2000, un bottino di 10 punti e tanta personalità.

Birrificio Messina-Alcamo 68-87
Parziali: 23-27; 34-46; 47-66; 68-87
Birrificio Messina: Mondello 12, Di Dio 10, Pace 4, Centorrino 4, Rizzo, Casablanca 6, Currò 5, Spanò, Valitri, Cordaro 7, Sciliberto 4, Maggio 16. All: Maggio
Alcamo: Ranalli 12, Ajola 6, Bottiglia 7, Giusti 16, Ferrara 2, Ventimiglia 5, Andrè 13, Provenzano 18, Genovese 4, Alfano 4, Blunda. All: Ferrara

Commenta su Facebook

commenti