Al RoccAcquedolcese il derby con la Nebros. A Piraino decide Genovese

RoccAcqueldocesePaolo Genovese era tra gli innesti più attesi in casa RoccAcqueldocese

Termina con la vittoria di misura (1-0) di volitiva RoccAcquedolcese il derby con la Nebros nella gara di andata della Coppa Italia di Eccellenza. Ospiti premiati dal gol arrivato sul finire del primo tempo da parte di Genovese. La squadra di casa all’Enzo Vasi è apparsa spenta e priva di mordente, non il miglior viatico in vista del debutto in campionato contro un Siracusa costruito per vincere il campionato che vorrà portare a casa tutti i punti in palio, servirà lavorare molto in settimana per farci trovare pronti all’inizio del torneo.

RoccAcquedolcese

La RoccAcquedolcese celebra il successo nel derby

Di contro la RoccAcquedolcese gioca bene e trova buone trame di gioco facendo ergere a protagonista il portiere di casa Scinaldi che in avvio tra 2′ e 9′ è già decisivo, riuscendo a neutralizzare anche un calcio di rigore calciato dal solito Genovese. Il gol è solo rimandato: al 25′ Carrello lo realizza ma la sua gioia è però spenta dalla decisione dell’arbitro, che lo ritiene in posizione irregolare. La situazione cambia definitivamente al 38′ quando stavolta Genovese, sfruttando un malinteso difensivo della difesa di casa, viene lanciato a rete e batte in uno contro uno Scinaldi. Nel finale gli ospiti di Palmeri avrebbero due buone occasioni per raddoppiare, non sfruttate a dovere. 

Nella ripresa la Nebros reagisce e prima con una doppia conclusione a rete di Carrello e poi nel finale con Camara costringe agli straordinari il portiere Caserta che riesce a salvare il risultato. L’1-0 lascia aperta la qualificazione ma il vantaggio del RoccAcquedolcese appare evidente in vista della gara di ritorno, potendo sfruttare il fattore campo.

RoccAcquedolcese

Tonino Longo con la divisa dell’Igea

La RoccAcquedolcese può essere soddisfatta: portiere attentissimo nelle poche occasioni in cui è stato chiamato in causa, difesa impenetrabile, centrocampo dinamico e attacco pungente che ha messo più volte in difficoltà la difesa avversaria creando 4/5 palle gol nitide (oltre a un calcio di rigore fallito). Nonostante le assenze degli ultimi acquisti, di Peppe Mazouf e Tonino Longo, i bianco-verde-azzurri sono sembrati già in palla e atleticamente a buon punto (ottimo lavoro dell’imprescindibile preparatore Volo). Domenica inizia l’avventura nel campionato di Eccellenza e si farà visita alla Virtus Ispica. Sicuramente il derby ha dato buone indicazioni e anche la consapevolezza che la squadra è stata costruita bene.

Autori

+ posts
The following two tabs change content below.