Al Clan Off Teatro weekend con “Diario intimo di una cameriera”

Diario intimo di una camerieraDiario intimo di una cameriera

Ancora un fine settimana di spettacolo al Clan Off Teatro di via Trento. Sabato alle ore 21.30 e domenica alle ore 18.30 il primo degli eventi speciali pensati per arricchire “Una stagione di Spettacoli, uno spettacolo di Stagione”, sotto la direzione artistica di Mauro Failla e Giovanni Maria Currò.

Clan Off Teatro

Il Clan Off Teatro ha ospitato alcuni degli eventi

“Diario intimo di una cameriera” di Octave Mirbeau, una produzione del Teatro Gamma di Catania, per la regia di Gianni Scuto, con Barbara Cracchiolo, Alessandro Gambino, Domenico Maugeri e con la partecipazione di Nellina Laganà, le scene sono di Franco Weber, i costumi di Gianni Cavalieri. Il testo, tratto dal romanzo omonimo dello stesso Mirbeau, descrive le peripezie di Celestine, una giovane ed avvenente cameriera che passa di famiglia in famiglia senza mai trovare un ambiente che le consenta di restare e senza mai riuscire a dare una sistemazione definitiva alla propria vita, vuoi per le quasi inevitabili avances sessuali dei mariti, vuoi anche per le continue angherie delle padrone di casa e mogli dei mariti pruriginosi.

Ma è proprio nei confronti del sesso che la figura di Celestine rompe radicalmente con gli schemi convenzionali: da un lato perché l’erotismo è da lei vissuto in maniera del tutto libera e disinibita, con un atteggiamento sempre naturalmente voglioso e quasi amorevole, mentre dall’altro lato l’identificarsi come una inesauribile e prode “sessuofoba” appare quasi sempre come un estremo tentativo di pareggiare i conti con i numerosi abusi subìti sul lavoro.Una commedia divertente ed irriverente, in cui l’erotismo si trasforma da ossessione in ironica partecipazione e si evolve in giochi grotteschi senza tempo ed in divertenti gag al limite del clownesco, per condurci verso un finale a sorpresa che non potrà non deludere per un’ennesima volta la garbata e scanzonata Celestine.

Uno spettacolo insolito ed originale, dall’esecuzione difficilissima e dal ritmo variegato, interpretato da quattro scatenatissimi attori che riescono a fare rivivere come ricorda lo stesso Mirbeau “una quantità di figure così stranamente umane e così irrimediabilmente stravaganti che sembrano quasi ossessionare… di fronte alle quali si riesce perfettamente a sentire tutta la tristezza e tutta la comicità d’essere uomini”.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com