Ai Magazzini del Sale i seminari di Noberto Presta

Clan Off TeatroIl Beniamino delle Farfalle

Ai Magazzini del Sale, sede dei Teatro dei Naviganti, l’attore, regista e pedagogo italo-argentino Norberto Presta, fino a venerdì, sarà impegnato nel seminario sul corpo e sulla voce “La parola danzata”.

Clan Off Teatro

Frammenti di vite condivise

E dopo lo spettacolo “Frammenti di vite condivise”, ospitato lo scorso fine settimana, nel cartellone del Clan Off Teatro, sempre ai Magazzini del Sale, Norberto Presta sarà in scena, sabato 14 e domenica 15 gennaio alle ore 21, con lo spettacolo “Il Beniamino delle farfalle”, opera ispirata alla storia del rivoluzionario russo Nikolaj Bucharin. Gli eventi danno il via alla sinergia tra la stagione al Clan Off Teatro con la direzione artistica di Giovanni Maria Currò e Mauro Failla e quella del Teatro dei Naviganti di Domenico Cucinotta e Maria Pia Rizzo. Il seminario “La parola danzata” propone di superare questo “conflitto corpo – parola” lavorando in un territorio laddove danza e teatro si confondono, in un esercizio in qui la parola danza e il corpo canta. La parola scritta si fa movimento nella voce, che vibrando in uno spazio acustico collettivo crea, ricreando il testo originale, il suo proprio racconto. Lo spettacolo “Il Beniamino delle Farfalle” si basa sulla storia di Nicholaj Bucharin, rivoluzionario russo che nel 1938,  che scrive una lettera alla moglie, poco prima della sua esecuzione. Solo 55 anni dopo, Anna, la moglie, riceverà la lettera e potrà rispondere a suo marito. Quest’uomo ribelle, da Lenin definito “il beniamino del partito”, e più tardi assassinato da Stalin, era un grande appassionato di barzellette e di farfalle. Lo spettacolo racconta la storia d’amore di Nikolaj e della giovane moglie Anna, ma anche la storia di un rivoluzionario: amore, rivoluzione e farfalle. Nicolai Ivanovich Bujarin è stato uno dei principali esponenti della rivoluzione di ottobre, più tardi membro del Comitato Centrale e il principale teorico del Partito Comunista Russo. Bujarin è stata una vittima della vecchia guardia bolscevica, che dopo gli allarmanti processi di Mosca è stato liquidato dal regime Stalinista.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva