Acireale, in società è già crisi. Infantino: “Ragazzi in campo senza stipendi. Basta nascondersi!”

Si squarcia un velo sulla crisi societaria dell’Acireale. Già, crisi, come afferma lo stesso Pietro Infantino. Qualche spiffero, in precedenza, lo si era pure avvertito, ma ben poco era trapelato dallo spogliatoio dei granata. In settimana si era parlato di problemi personali per il presidente Rino Pulvirenti, ma dopo la gara vinta al “Tupparello” contro l’Ebolitana è davvero tutto più chiaro. La società starebbe attraversando già una grave situazione di crisi finanziaria e si conterebbero degli stipendi arretrati. Pulvirenti è tra l’altro rimasto da solo, dopo l’emorragia di soci che ha portato via, uno dopo l’altro, anche tutti componenti della vecchia proprietà dell’ACR Messina fino all’amministratore delegato Daniele Notarrigo, l’uomo più vicino a Pulvirenti, che prima della trasferta di Ercolano annunciò le dimissioni dal club per un grave problema familiare. La situazione, ad ogni modo, si starebbe facendo critica e ben poco è dato sapere a tutta l’area tecnica. In sala stampa i giornalisti hanno così assistito ad un’autentica irruzione di mister Infantino davanti i microfoni. L’allenatore ha scansato subito le domande sulla partita, andando al sodo: “I miei ragazzi hanno dimostrato grande professionalità. Qui, purtroppo, ci stiamo nascondendo dietro un dito: la gente deve sapere, deve sapere che siamo messi male! – tuona il tecnico -. Ci sono giocatori che non ricevono stipendi da parecchio. Non sappiamo quello che succederà. Abbiamo bisogno del sostegno della città, ma prima ancora di una società alle spalle. Non voglio prendere in giro la mia città – ha affermato -, chi di dovere deve prendersi le prendersi le proprie responsabilità. Siamo stati letteralmente abbandonati. Abbiamo passato una settimana terribile e la gente deve saperlo. Si parla di tutto, meno che di calcio. Per questo in panchina sono scoppiato in lacrime, perchè lo stress è tanto non è possibile andare avanti così”.

The following two tabs change content below.
Redazione Messina Sportiva

Redazione Messina Sportiva

Commenta su Facebook

commenti