Pistunina, Bellamacina: “Dipende solo da noi, meritiamo questa salvezza”

Esultanza Pistunina

Il Pistunina vuole piazzare il colpo salvezza, ma per farlo dovrà mantenere calma e sangue freddo. Il match interno contro il Paternò vale tanto, soprattutto se si pensa allo scontro diretto tra Real Aci e Caltagirone che potrà dire molto sugli equilibri della bassa classifica.

Antonino Bellamacina del Pistunina

I rossoneri di mister Raciti, però, sono gli unici artefici del proprio destino. I tre punti di vantaggio sulla zona playout non rappresentano un margine che consente di dormire sonni tranquilli, ma nessuno tra i messinesi ha mai accarezzato l’idea di arrivare comodamente alla salvezza diretta. Obiettivo che per tutta la stagione è sempre sembrato alla portata di una compagine che non è mai stata veramente risucchiata nella zona che porta agli spareggi.

In vista del match di domenica, il giovane attaccante Nino Bellamacina ha le idee molto chiare: “Sarà una gara difficile, giochiamo contro una squadra importante, che verrà qua per tentare il tutto e per tutto visto il margine che li separa dalla zona playoff. Noi non possiamo sbagliare, siamo in corsa per la salvezza ed il nostro campionato non è affatto finito, anzi, forse inizia adesso perché in questa fase i punti scottano e noi dobbiamo restare mentalmente forti. Servirà un Pistunina accorto e attento, ma sono sicuro che faremo bene, poche volte quest’anno siamo crollati. La partita d’andata? Io non c’ero, però molti miei compagni hanno spesso ribadito l’amarezza per una sconfitta arrivata a tempo scaduto con un gol su punizione, dopo una partita molto ben giocata”.

Antonino Bellamacina

Nino Bellamacina con la Berretti del Messina

Lo scontro diretto tra Real Aci e Caltagirone potrebbe favorire il Pistunina, ma Bellamacina non ci pensa: “Siamo davanti, siamo gli artefici del nostro destino, la salvezza dipende solo ed esclusivamente da noi. Se poi le nostre dirette concorrenti si toglieranno punti a vicenda ancora meglio, ma prima di tutto dobbiamo fare il nostro, altrimenti rischiamo di complicarci la vita e sinceramente sarebbe un peccato perchè meritiamo la salvezza diretta”.

La crescita della squadra è direttamente proporzionale a quella di una società sempre più matura, mentre Bellamacina non risparmia complimenti al proprio tecnico Raciti: “E’ un grande, oltre ad ed essere molto preparato tecnicamente e tatticamente è una brava persona, con lui si può dialogare serenamente. Sono contento della scelta che ho fatto e del progetto che ho sposato, vista la passata stagione qualcuno poteva pensare che potessi trovare un ambiente in cui c’era improvvisazione, invece ho trovato una società seria molto attenta alle esigenze di noi calciatori”.

Commenta su Facebook

commenti