Messina, che batosta! L’ex Ciciretti brilla e il Benevento dilaga: 0-5

I giocatori del Messina rientrano a centrocampo

Prima sconfitta casalinga del torneo per i peloritani, letteralmente travolti dalla squadra di Auteri. Il fantasista scuola Roma firma una doppietta, Cisse, Del Pinto e Marotta (di tacco) completano la cinquina. Gli uomini di Di Napoli mai in partita: ko pesantissimo.

Il pre-partita: Dopo il convincente successo contro il Martina il Messina scende in campo ancora al “San Filippo” per sfidare il Benevento nella prima giornata di ritorno. Di Napoli, reduce dal viaggio a Roma per il processo sul calcioscommesse, deve rinunciare allo squalificato De Vito e agli infortunati Cocuzza, Palumbo e Padulano. Parisi e Fornito recuperati, ma entrambi vanno in panchina. Tra i pali rientra Berardi, poi Barilaro e Russo sulle corsie esterne di difesa e la coppia composta da Burzigotti e Martinelli al centro. In mezzo Zanini, Giorgione e Baccolo, in avanti Tavares con Gustavo e Barraco ai lati. Il Benevento di Auteri presenta l’ex Ciciretti con la maglia numero 10 ad ispirare le punte Marotta e Cisse. Debutto per il neoacquisto Lopez. Si gioca nonostante le abbondanti piogge delle ultime ore.

Tavares prova a farsi largo

Tavares prova a farsi largo

La cronaca: Non è facile per le due squadre manovrare su un terreno così appesantito. Al 4’ Messina comunque pericoloso dalla distanza con Giorgione, Gori è attento e smanaccia. Due minuti più tardi il Benevento passa in vantaggio proprio con l’ex Ciciretti che beffa con una conclusione dal limite Berardi, sfruttando anche il pallone che schizza sul campo reso viscido dalla pioggia. Il numero uno giallorosso è apparso però in colpevole ritardo. Non esulta il fantasista scuola Roma, al quinto centro del torneo, in segno di rispetto verso la squadra nella quale aveva militato nella passata stagione. Il Messina prova a reagire. Tavares termina giù dopo un contrasto in area con Lucioni, l’arbitro lascia proseguire. Schema su calcio di punizione al 18’: va al tiro Martinelli cercando la soluzione di potenza, ma Gori blocca la sfera. I sanniti si dimostrano però letali in fase offensiva. Al 20’ Marotta innesca in area Cisse che elude l’intervento di Martinelli e calcia a rete di precisione spiazzando Berardi. Raddoppio della squadra di Auteri, il “San Filippo” è gelato. Al 27’ gli “stregoni” perdono il portiere Gori, fuori causa per un problema muscolare. Dentro il vice Piscitelli. Il solito Cisse, al 37’, spara da fuori area, spedendo però abbondantemente alto. Messina spento, Di Napoli passeggia sconsolato davanti alla propria panchina. Il primo tempo si chiude sullo 0-2. Benevento al riposo saldamente in controllo. Re Artù ridisegna completamente la squadra optando subito per un doppio cambio: Fornito e Leonetti sostituiscono Russo e l’evanescente Barraco.

L'undici di partenza del Messina

L’undici di partenza del Messina

La ripresa si apre come peggio non potrebbe. Al 3’ Del Pinto sorprende Berardi, dai 25 metri, con una conclusione a giro di sinistro. Tris del Benevento e Messina al tappeto. I sanniti sono scatenati e Cisse impegna ancora Berardi sul primo palo. La formazione di Auteri non è sazia e continua ad imperversare. E’ sempre l’ex Ciciretti a girarsi bene all’interno dell’area e a timbrare il poker all’11’ con un gran tiro all’incrocio. Sullo 0-4 il pubblico si spazientisce definitivamente e comincia a inveire contro i giocatori, invitandoli ad un maggiore impegno. La sconfitta prende ora proporzioni ampie. Salvemini per Tavares è l’ultimo cambio operato da Di Napoli. Gara che non ha più nulla da dire. Ancora Ciciretti spreca la chance per la tripletta personale, calciando debolmente dopo uno svarione difensivo. Arriva però incredibilmente anche lo 0-5 al 22’: sul cross dalla destra di Ciciretti è Marotta a spedire in rete con il tacco, effettuando il colpo dello scorpione. Gol pazzesco dell’attaccante sannita. E’ di fatto il replay del confronto dello scorso anno con il Matera di Auteri, che aveva trionfato al “San Filippo” proprio per 0-5. Melara scheggia la traversa a 3′ dallo scadere e va vicino ad arrotondare il bottino. Il primo ko casalingo del campionato matura con un passivo pesantissimo. Messina assente, il Benevento fa festa e rilancia le sue ambizioni per la lotta alla promozione. Il girone di ritorno si è aperto per Giorgione e compagni con un pomeriggio tutto da dimenticare.

L'ingresso in campo

L’ingresso in campo

Il tabellino. Messina-Benevento 0-5
Messina: Berardi, Barilaro, Russo (1’ st Fornito), Baccolo, Martinelli, Burzigotti, Zanini, Giorgione, Tavares (16’ st Salvemini), Gustavo, Barraco (1’ st Leonetti). A disp. Addario, Frabotta, Parisi, Bramati, Biondo. All. Di Napoli
Benevento: Gori (27’ pt Piscitelli), Pezzi, Mattera (14’ st Padella), Del Pinto, Lucioni, Lopez, Melara, De Falco, Cisse (23’ st Troiani), Ciciretti, Marotta. A disp. Mazzeo, Di Molfetta, Mucciante, Mazzarani. All. Auteri
Arbitro: Luca Massimi di Termoli. Assistenti: Mauro Galetto di Rovigo e Flavio Zancanaro di Treviso.
Marcatori: 6’ pt Ciciretti (B), 20’ pt Cisse (B), 3’ st Del Pinto (B), 11’ st Ciciretti, 22’ st Marotta (B)
Ammoniti: 17’ pt Del Pinto (B), 27’ pt Pezzi (B), 34’ pt Zanini (M)
Note: 1’ recupero nel primo tempo, 2′ nel secondo tempo. Corner 4-6 per il Benevento.

Commenta su Facebook

commenti