Betaland, Campani: “Da Torino un nuovo campionato. Gruppo coeso per centrare la salvezza”

SikeliArchiviLuca Campani (Ludwigsburg-SikeliArchivi)

La partita giocata a Torino. Le prime settimane in gruppo. L’avvicinamento alla partita di Pesaro. I cambiamenti nel gruppo. Sono questi i principali argomenti dell’intervista che l’Orlandina Basket ha realizzato con l’uomo della domenica, il pivot Luca Campani, autore di una gara straripante a Torino (26 punti e 7 rimbalzi).
“Abbiamo disputato di certo un’ottima gara, siamo partiti male ma poi abbiamo recuperato e ce la siamo giocata punto a punto. A due minuti e mezzo dal termine eravamo anche avanti di sette punti, poi i finali punto a punto vengono decisi da episodi ma la nostra gara resta di ottimo livello. E’ stata certamente la migliore nostra prestazione da quando sono arrivato in Sicilia. Se continueremo a giocare sempre come a Torino sono convinto che ci leveremo grandi soddisfazioni. Avrei comunque barattato la mia prestazione personale con una vittoria. Mi sto trovando molto bene a Capo d’Orlando, il gruppo è unito e mi ha fatto sentire sin da subito parte integrante del collettivo. La città vive di basket e si vive bene. E’ tutto positivo.
La gara di Pesaro secondo me non è decisiva nel bene o nel male perchè poi mancheranno ugualmente altre nove partite e ci sarà tempo. E’ però una gara importante sul campo di una diretta rivale per salvarsi e la prima di una serie molto difficile. La prepareremo al meglio e se ripeteremo la gara di Torino avremo molte chance di fare bene.
Operare tanti cambiamenti di organico in corsa non è ami facile però stiamo lavorando bene e lo continueremo a fare in palestra e sono convinto che con queste premesse tutto andrà bene”.

Q&A con Luca Campani

Cosa pensi della partita giocata a Torino?Come sono andate le prime settimane con noi?Come prepararsi alla partita di Pesaro?Come sono stati assorbiti i cambiamenti nel gruppo?Lo abbiamo chiesto all'uomo della domenica, Luca Campani!#RestArt

Publié par Orlandina Basket sur mardi 6 mars 2018

Commenta su Facebook

commenti